Bus, attivi i nuovi varchi: il primo giorno quasi 900 passaggi in tre vie

Da ieri, 22 settembre, sono attivi i nuovi varchi per le corsie preferenziali dei bus in alcune vie della città. I numeri degli accessi il giorno 22 settembre sono incredibili: 502 passaggi solo nel varco di via Montebello e altri 319 in via Zarotto

Da ieri, 22 settembre, sono attivi i nuovi varchi per le corsie preferenziali dei bus in alcune vie della città. I numeri degli accessi il giorno 22 settembre sono incredibili: 502 passaggi solo nel varco di via Montebello e altri 319 in via Zarotto. Forse è mancato qualche passaggio comunicativo. Ecco la nota del Comune

LA NOTA DEL COMUNE - "Come già comunicato più volte a partire da luglio e segnalato oltre che con la segnaletica orizzontale e verticale definita dal codice della strada, anche con cartelli provvisori ben evidenti che evidenziavano l’accensione dei varchi elettronici il 22 settembre, ieri sono stati accesi i 3 nuovi varchi a protezione delle corsie bus in Via Zarotto, Via Montebello e Viale Falcone (Stazione ferroviaria). Nonostante le segnalazioni sono molto alti i numeri dei passaggi non consentiti che verranno sanzionati. Nelle 24 ore del 22 settembre il varco di Via Montebello ha registrato 502 passaggi totali, quello di via Zarotto 319 e quello della stazione 84 con stime sui accessi non autorizzati che vanno dal 60% al 90% del totale degli accessi registrati a seconda del varco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le corsie preferenziali dei bus sono lo strumento più economico ed efficace a disposizione delle amministrazioni per favorire gli utenti del trasporto pubblico e quindi rendere più appetibile il servizio in termini di puntualità e velocità di esercizio. Il transito per queste vie preferenziali, oltre che essere vietato dal codice della strada ai veicoli privati, causa intralcio del traffico del servizio pubblico e dunque disservizi al sistema di mobilità sostenibile cittadino. Con l’implementazione di questi strumenti tecnologici di controllo è possibile mantenere costantemente monitorato l’accesso dei mezzi abilitati al passaggio nelle corsie riservate permettendo così di destinare ad altri servizi le forze di polizia municipale che a rotazione venivano destinate per sanzionare i veicoli privati a cui non è consentito l’accesso".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: dopo Piacenza nuove restrizioni in arrivo anche a Parma

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

Torna su
ParmaToday è in caricamento