Vignali condannato per la consulenza da 48mila euro ad Aiello

E' stato condannato dalla Corte dei Conti per la consulenza di 47.736 euro alla società Alfa ingegneria, del futuro assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Parma. Vignali dovrà rimborsare il 40% insieme a Moruzzi e Paolo Gabbi

L'ex sindaco Pietro Vignali è stato condannato dalla Corte dei Conti per la consulenza di 47.736 euro alla società Alfa ingegneria, il cui presidente era Giorgio Aiello, futuro assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Parma. L'oggetto della consulenza? Lo studio delle aree cittadine soggette ad incidenti stradali. Secondo la Corte dell'Emilia-Romagna per quello studio sarebbero bastati i dipendenti del Comune di Parma. Così ora la cifra dovrà essere 'rimborsata' per il 40% dallo stesso Vignali, già finito in manette per l'inchiesta Public Money, da Emanuele Moruzzi, anche lui finito in manette per Green Money 2 e da Paolo Gabbi.

La percentuale rimanente invece dovrà essere sborsata dagli ex-assessori che votarono la delibera, Paolo Buzzi, Giancarlo Terzi, Claudio Bigliardi, Daniele Galvani, Giovanni Catellani, Paola Colla, Giampaolo Lavagetto, Mario Marini. "E' completamente mancato un doveroso, gravemente colposo, preventivo accertamento, da parte dell'amministrazione conferente, dell'impossibilita' oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili al proprio interno" scrivono i giudici della Corte dei Conti. 

LE ACCUSE DELLA PROCURA
A citarli a processo e' stata la Procura contabile, che giudica questo incarico illegittimo sotto diversi punti di vista: la Alfa ingegneria nell'estate del 2006 fu incaricata di studiare le aree cittadine di maggior criticita' dal punto di vista della viabilita', provvedendo a fare una schedatura dei casi critici segnalati dai cittadini e proponendo una soluzione del problema. Per il pm contabile Pasquale Principato, non c'era nessun bisogno di una consulenza esterna: era un'attivita' "pacificamente ordinaria", che doveva competere all'ente locale. Avrebbe potuto farlo la Polizia municipale (e non c'e' traccia che sia stata interpellata), o ancor meglio la societa' in house Infomobility, che aveva una specifica convenzione col Comune proprio per gestire questioni relative alla mobilita' ed "era perfettamente in grado di svolgerla". Vignali, invece, al tempo assessore all'Ambiente, propose di affidare la faccenda a una societa' esterna: in fretta e furia  vennero interpellate quattro ditte, tra cui solo la Alfa ingegneria si disse disponibile (un'altra non rispose e due dissero che non potevano), venne sollecitata a fare la propria offerta entro 24 ore e poi la Giunta approvo' l'affidamento dell'incarico giudicando la la somma di 47.700 euro "congrua rispetto ai prezzi di mercato".

LA MOTIVAZIONE
Se c'era bisogno di fare uno studio sui casi critici e sulle segnalazioni in materia di viabilita' (e di questo nella prima parte dell'anno si era occupato l'ufficio Mobilita' e ambiente del Comune), per la Procura di questo "avrebbe dovuto essere interessata e investita la societa' in house, nell'ambito degli stretti poteri di gestione e di governance che il Comune di parma, unico azionista, poteva e doveva esercitare sulla stessa". Infomobility, invece, venne interpellata alla pari delle altre tre ditte e questo per il pm Principato e' incredibile. "E' del tutto paradossale- scrive il magistrato- che la verifica di disponibilta' della societa' in house sia stata gestita come se si trattasse di un fornitore qualsiasi". In secondo luogo, poi, "e' ancor piu' paradossale che la richiesta di svolgimento della specifica attivita' di studio non sia stata oggetto di una programmazione o cootrdinamento con le attivita' gia' affidate a Infomobility".

LE STRANEZZE
Oltre all'incarico illegittimo, il pm contabile censura anche le modalita' con cui il Comune si mosse, sottolineando alcune altre 'stranezze'. Insieme a Infomobility, a quel tempo presieduta da Carlo Iacovini (che l'anno dopo entro' nello staff di Vignali, ai domiciliari poi revocati per la corruzione contestata in Green money 2), fu fatta una proposta anche a Euromobility, societa' presieduta sempre da Iacovini.
Conflitto a parte, sia Infomobility che Euromobility risposero di no al Comune, usando con la stessa formula: in quel momento non avevano le "risorse umane necessarie". La terza ditta interpellata (oltre all'Alfa Ingengeria che ebbe l'incarico) era la Art, che non si occupava di mobilita' e non rispose al Comune. Il pm Principato, infine, contesta agli 11 citati a processo di non aver fatto vagliare preventivamente l'incarico ai revisori dei conti, ne' di aver successivamente inviato le carte alla Sezione di controllo della Corte di Conti (come vuole la legge).

LA DIFESA DI VIGNALI
Durante le indagini, Vignali si e' difeso dicendo che si ricorse ad un incarico esterno perche' la problematica "stava diventando urgente" e il numero delle segnalazioni sulla viabilita' "era aumentato in modo esponenziale". Ha detto di essersi mosso cosi' solo dopo aver interpellato Polizia municipale, ufficio Mobilita' e Infomobility. Gli altri ex assessori hanno detto di essersi fidati di Vignali, che aveva detto che non c'era modo di sfruttare soluzioni 'interne'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento