menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parmigiano-Reggiano, crescono le garanzie per i consumatori

Via libera dall'Unione Europea al nuovo disciplinare. Confezionamento solo in zona di produzione. "Quarantena" di quattro mesi per le bovine provenienti da altre filiere. Soddisfazione dei vertici del Consorzio

Con questo atto si arricchisce ulteriormente il quadro delle azioni finalizzate a dare maggiore stabilità al settore, ma si tratta soprattutto di un ulteriore decisivo passo sul versante delle garanzie per il consumatore,  grazie a possibilità di ulteriori controlli sulla filiera produttiva e, finalmente, anche sulla fase di confezionamento del prodotto”.

E’ il commento a caldo del presidente del Consorzio del Parmigiano-Reggiano, Giuseppe Alai, pochi minuti dopo il parere positivo espresso dal Comitato permanente della UE sulle Dop e Igp a proposito del nuovo disciplinare di produzione del prodotto.
“Un risultato – aggiunge Alai – cui siamo pervenuti dopo un lungo iter che si è avviato grazie all’impegno dei nostri consorziati e al lavoro della Direzione Generale Agricoltura, della Commissione agricoltura della UE e del Ministero italiano per le politiche agricole e alimentari”.

Tre le sostanziali novità di rilevante interesse per i consumatori, sulle quali il via libera è giunto con il solo voto contrario del Belgio.
La prima riguarda appunto il confezionamento del prodotto, che dovrà avvenire all’interno della zona d’origine: al di fuori del comprensorio di produzione il confezionamento potrà avvenire solo ed esclusivamente nel punto vendita.

“Questa norma – spiega il direttore del Consorzio, Leo Bertozzi – serve ad evitare qualunque manipolazione impropria del prodotto ad esclusivo beneficio del consumatore e di una ancor più efficace azione di vigilanza e tutela”.

Un discorso analogo vale per la modifica riguardante la produzione di latte destinato alla trasformazione in Parmigiano-Reggiano: le bovine provenienti da altre filiere produttive (estero, latte alimentare o altri formaggi) dovranno osservare quattro mesi di “quarantena” prima che il loro latte sia utilizzato nei caseifici, e in questo periodo dovranno essere alimentate conformemente alle norme del regolamento di alimentazione previsto dal Consorzio di tutela.

“Una misura cautelativa importante – osserva Bertozzi – per evitare l’inserimento, nella filiera del Parmigiano-Reggiano, di bovine che potrebbero essere state alimentate con prodotti non previsti o espressamente vietati dal disciplinare, quali, ad esempio, prodotti insilati, di cui è vietato non solo l’uso, ma anche la detenzione”.
Il terzo elemento di novità riguarda l’innalzamento della quota di foraggio che dovrà essere prodotta all’interno dei singoli allevamenti, che passa dal 35 al 50%.

“Il legame fra prodotto, territorio e singola azienda – sottolinea il presidente Alai – si fa ancora più stretto: pur rimanendo inalterato il fatto che il 75% del foraggio deve provenire dal comprensorio di produzione, aumenta in sostanza il livello di autoapprovvigionamento degli allevamenti, che assumono così un impegno ancor più rilevante nel lungo percorso di innalzamento costante della qualità, della sua tutela e valorizzazione”.
“Al Consorzio – conclude Alai – spetta ora il compito di accompagnare e sostenere le imprese in queste riforme, che sono il frutto di un lavoro corale e responsabile dei produttori di Parmigiano-Reggiano a beneficio di chi in tutto il mondo consuma e consumerà il nostro prodotto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento