menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto, 75 quintali di mais granella non Ogm Emilcap donati agli allevatori di ovili delle montagne ascolane

Terremoto e aiuti concreti. Consorzio Agrario di Parma e imprese agricole della Coldiretti unite nel nome della solidarietà

Quindici allevatori di ovini dell’Appennino della zona terremotata del comprensorio del Comune di Ascoli Piceno potranno alimentare i loro animali gratuitamente grazie alla Coldiretti – Sezione di Traversetolo – che, insieme al Consorzio Agrario di Parma e Emilcap, ha unito in una lunga catena solidale numerosi imprenditori agricoli parmigiani nel nome della solidarietà con le popolazioni colpite gravemente dal sisma dello scorso anno.Le aziende agricole ascolane riceveranno in dono una ingente quantità di mangimi Non Ogm, in particolare mais da granella , stoccato nell’Agenzia del Cap di Basilicagoiano e stivato su  un camion della ditta di autotrasporti Agliari di Traversetolo che, anch’essa a titolo gratuito, porterà la merce a destinazione. L’iniziativa benefica, come detto, nasce dalla sinergia tra il Cap di Parma, che ha fornito il mais e la Coldiretti sezione di Traversetolo che comprende anche associati dei paesi limitrofi di Lesignano Bagni, Montechiarugolo, Neviano Arduini. “In questi casi è bene non spendere troppe parole se non per ringraziare tutti coloro che hanno partecipato a questa iniziativa solidale in modo concreto– ha commentato il presidente del CAP Giorgio Grenzi intervenuto alla partenza del carico di mais insieme ai responsabili della Coldiretti e all’azienda Agliari - tutto il prodotto arriverà a destinazione in breve tempo e i nostri amici allevatori dell’ascolano potranno alleviare di un poco le loro pene dopo i gravissimi effetti del sisma che li ha colpiti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 125 nuovi contagi e un morto

  • Cronaca

    Parma da oggi in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento