Campari attacca: "Il segreto sugli atti del Cts impedisce agli italiani di sapere la verità"

"Sono tutti segnali piuttosto inquietanti per un Paese democratico e mostrano il vero volto del Governo Conte che punta sul Terrore per mantenere la poltrona nonostante le pessime performance in tutti i campi"

"Prima la proroga dello stato di emergenza, senza che vi sia oggi un’emergenza, poi il capo dell’opposizione obbligato ad un processo politico, per aver fatto il suo dovere di ministro, infine il segreto imposto sui verbali del Comitato Tecnico Scientifico che ha deciso il lockdown e le altre misure imposte a cittadini, famiglie, imprese a causa del Covid".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così Maurizio Campari, senatore parmigiano della Lega: "Sono tutti segnali piuttosto inquietanti per un Paese democratico e mostrano il vero volto del Governo Conte che punta sul Terrore per mantenere la poltrona nonostante le pessime performance in tutti i campi. Se Conte e i suoi sono convinti di aver operato correttamente perché negare l’accesso agli atti nonostante il parere positivo del Tar? Quali verità devono essere nascoste al Parlamento e agli italiani? Non c’è nessuna trasparenza: il Parlamento e i cittadini hanno diritto di leggere i documenti in base ai quali sono state disposti i Decreti che hanno limitato i loro diritti e libertà costituzionali. Tanto più che ci sono giudici di Pace che iniziano a negare persino la legittimità costituzionale delle sanzioni comminate durante il lockdown. Il gruppo della Lega al Senato ha scritto alla presidente Elisabetta Casellati perché metta in campo tutte le iniziative istituzionali necessarie per permettere ai parlamentari di accedere agli atti, ai pareri e a ogni documento del comitato scientifico della Protezione Civile e utilizzati dal presidente Giuseppe Conte per emanare i dpcm. Ci auguriamo che le forze politiche di maggioranza non si prestino a operazioni che negano la trasparenza degli atti pubblici. Al governo ci sono partiti che hanno sempre blaterato di onestà e trasparenza. Uno di questi avrebbe addirittura dovuto aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno. Invece oggi se ne stanno asserragliati a difendere i segreto di Palazzo. Una posizione indifendibile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Parma, ipotesi Longo come nuovo Ceo

  • Sindaci: eletti Fiazza a Fontevivo, Boraschi a Palanzano, Canepari a Pellegrino, Restiani a Varano e Concari a Soragna

  • I rinforzi di Liverani, le trattative, la linea Krause: sullo sfondo il derby

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento