menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

No del M5s al supecanguro - Nuzzo "Favorevole al ddl, chi ha presentato gli emendamenti è lo stesso Pd"

Il dibattito sulle unioni civili prosegue. Dopo la sospensione nei giorni scorsi alle votazioni per la mancanza dei numeri necessari a far passare la legge, il m5s spiega le motivazioni del voto contrario. Il sindaco Pizzarotti ha ritenuto la scelta dei senatori grillini "un' occasione persa". Abbiamo chiesto al consigliere espulso dalla maggioranza comunale, Mauro Nuzzo, cosa ne pensa della questione...

Da qualche settimana i toni della politica sono accesi dal dibattito sul Ddl Cirinnà riguardante le unioni civili che promette di dare il riconoscimento legale non solo alle coppie etero ma anche a quelle omosessuali. Una battaglia portata avanti da decenni dalla comunità Lgbt. La legge, che sarebbe dovuta passare già nelle prime convocazioni grazie alla sponda del m5s ai voti del Pd, ha trovato vari ostacoli sul suo cammino: dagli emendamenti della Lega (prima 50.000 successivamente ridotti a 500) a quelli dello stesso Pd provenienti dall'ala cattolica (cattodem).

I vertici del partito hanno scelto l'uso dell' emendamento Marcucci, noto anche come canguro che avrebbe saltato la dicussione degli emendamenti e portato direttamente la legge al voto senza modifiche. Questo stesso strumento è stato già utilizzato in varie occasioni quali la riforma costituzionale e l'Italicum ed è sempre stato rifiutato dai 5 stelle poichè ritenuto "anti-democratico".

Il movimento 5 stelle, pur ribadendo il voto a favore della legge rimarca di "non aver presentato nemmeno un ementamento". Nell'ultima seduta di Senato sulle unioni civili non ha votato ha favore del decreto Marcucci e ha ribaltato il tavolo delle alleanze, ora da rifare.

Così mercoledì, in mancanza del numero per il maxi canguro, il capogruppo Pd Zanda ha richiesto e ottenuto un rinvio. Se ne riparlerà mercoledì 24 febbraio.

La relatrice del testo di legge Monica Cirinnà, che in un primo momento puntava il dito contro i 5 stelle: "ho fatto l'errore di fidarmi di loro", ha successivamente indirizzato le accuse ai dissidi interni al suo partito: "sono stata tradita dai renziani che volevano un premio".

Varie le critiche ai 5 stelle, soprattutto da parte delle comunità Lgbt. Alcuni esponenti delle associazioni hanno protestato davanti al teatro Brancaccio di Roma dove era in corso lo spettacolo di Grillo.

Renzi, che poco aveva preso parola sul ddl, lo ha fatto ieri all'assemblea di partito indicando le linee strategiche per far passare la legge "ad ogni modo": un asse con Ncd e Udc che presuppone lo stralcio della stepchild adoption e vale la fiducia di governo.

Contemporaneamente Di Maio, intervistato da Lucia Annunziata nel programma In mezz'ora su rai3, ha confermato il voto dei 5 stelle alla legge nella sua completezza "noi ci siamo al 100%", rispettando però la discussione dei vari emendamenti che, nella loro ulteriore riduzione a 500, comporterebbero un lavoro di aula calcolabile in 4 o 5 sedute. Tornando alla polemica di settimana scorsa sul loro voto contrario spiega: " Noi non vogliamo votare il canguro che è un autostrada verso la dittatura".

Dal sindaco Pizzarotti invece è partito un tweet contro la strategia del movimento 5 stelle in Senato: "Ddl Cirinnà, un'occasione persa. 'A che serve avere le mani pulite se poi si tengono in tasca' Don Milani, frase che si adatta spesso bene". 

Abbiamo chiesto un parere sulle unioni civili anche al consigliere espulso dalla maggioranza Mauro Nuzzo, che ora siede al tavolo di minoranza insieme al collega Fabrizio Savani che ha invece lasciato volontariamente il gruppo consigliare del m5s.

E' favorevole alla legge Cirinnà? Alla stepchild adoption?

Assolutamente favorevole al Ddl Cirinnà. Per quel che riguarda la stepchild adoption, l’istituto giuridico che consente al figlio di essere adottato dal partner (unito civilmente o sposato) del proprio genitore, sono altrettanto favorevole. Ritengo che debba essere un giudice a valutare se la coppia ha le caratteristiche adeguate per l’adozione di un minore. Sia nel caso che la coppia sia etero che nel caso di una coppia omosessuale. Un Paese che non riesce ad affrontare questioni simili in modo adeguato e dove la disinformazione impera è un Paese messo male, e noi lo siamo.

Cosa ne pensa di quello che è successo in queste settimane in Senato riguardo alla legge per le unioni civili?

Ritengo necessario affrontare il voto sugli emendamenti anche se avrei preferito che lo stesso partito che presenta la legge non ne avesse proposto alcuno. Il M5S, che è favorevole alla legge sulle unioni civili nella sua versione integrale, non ha depositato infatti nessun emendamento. Il cosiddetto “canguro” utilizzato in precedenza per impedire il dibattito parlamentare sulle riforme costituzionali, anche in questo caso, lo lascerei vivere e proliferare nel suo habitat naturale, consentendo per contro al Parlamento il diritto ed il dovere della discussione in aula delle proposte di legge, emendamenti compresi. Dispiace che servano altri passaggi prima della necessaria approvazione, il ritardo che abbiamo nel riconoscere diritti dovuti ci racconta di una situazione malsana e alterata e il Parlamento attuale ne è una conseguenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 73enne ha un malore dopo il vaccino Pfizer

  • Attualità

    Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento