Regionali, Giulia Gibertoni: "Solo il M5s non candida condannati ed indagati"

La candidata presidente del Movimento 5 Stelle: "Bonaccini non è ancora prosciolto, con Fabbri un indagato per corruzione e..che andò a cena con 'ndranghetisti nel 2012"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il Movimento 5 Stelle Emilia Romagna -si legge in una nota di Giulia Gibertoni, candidata M5s alla presidenza della Regione Emilia-Romagna- non candida condannati e indagati. Non si può dire lo stesso per Bonaccini, che non ha ancora chiuso i suoi conti con la giustizia. Il Pm ha chiesto l'archiviazione dell'indagine per peculato a suo carico, ma ad oggi questa non è stata ancora concessa. Anche Alan Fabbri ha un indagato per gravissimi reati tra i candidati della sua coalizione. Parliamo di Salvatore Campanaro, candidato di Fratelli d'Italia  nel collegio di Bologna:  ex maresciallo dei Carabinieri è indagato per corruzione e altri gravi reati in una inchiesta che lo vede coinvolto per aver coperto l'ex pentito di mafia Giuseppe Galiandro (condannato per tre omicidi e associazione di stampo mafioso) nelle sue attività imprenditoriali illegali del Doro Group presso l'aeroporto di Bologna. Secondo l'accusa infatti  , il consorzio fantasma Doro Group era guidato dall’ex pentito Galiandro  che per anni ha gestito i servizi a terra del Marconi senza requisiti. C’era il mafioso sotto protezione al vertice dell’organizzazione che avrebbe corrotto poliziotti, carabinieri e altri pubblici ufficiali e truffato centinaia di lavoratori. Campanaro è tutt'ora tra gli indagati con gravissime accuse a carico. Una indagine scattata nel 2008 che è ancora aperta. Che dice Fabbri ? Ritiene opportuna quella candidatura?
 
Paolo Borsellino diceva che gli uomini delle istituzioni devono sempre essere al di sopra di ogni sospetto in ogni situazione. Anche se non sono indagati. A tal proposito. Come commenta Alan Fabbri la candidatura a Reggio Emilia per Forza Italia del consigliere comunale ed ex consigliere provinciale Pdl Giuseppe Pagliani che nella primavera 2012 andò a cena con pregiudicati per 'ndrangheta come i Sarcone (ai quali sono stati sequestrati qualche settimana fa beni per milioni di euro), altri personaggi ritenuti vicini al clan Grande Aracri e altre persone colpite da interdittive del Prefetto ?
 
Oggetto della cena alla quale partecipò Pagliani - dichiarò alla stampa Gianluigi Sarcone, uno dei fratelli Sarcone con precedenti per usura, estorsione, appropriazione indebita e riciclaggio -  erano le interdittive antimafia emesse del Prefetto di Reggio Emilia:  ‘Speravamo   – dichiarò intervistatato del Resto del Carlino di Reggio Emlia- che avesse la forza mediatica e politica per sollevare il problema delle interdittive. Tanti di noi lo avevano votato e ci è sembrato normale chiamare lui’. Una ennesima corsa alla poltrona, quella di Pagliani calata all'improvviso da Roma sostituendo un candidato a due giorni dalla chiusura delle liste. Corsa alla Regione  quantomeno politicamente inopportuna e un bruttissimo segnale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento