Quoziente Parma, il sindaco Vignali interviene al meeting di Rimini

Il sindaco di Parma, Pietro Vignali, è intervenuto al meeting di Rimini per esporre il progetto "Quoziente Parma", primo esempio in Italia che rimodula le tasse sui reali carichi familiari

Il sindaco di Parma Pietro Vignali è intervenuto al Meeting di Rimini per raccontare l'esperienza del "Quoziente Parma", il primo esempio di quoziente a misura di famiglia in Italia, e per parlare di politiche familiari, nell'ambito dell'incontro "Quale politica per la famiglia? Le prospettive del welfare locale". "Ci vogliono federalismo fiscale per dare alle comunità le risorse di cui hanno bisogno per uscire dalla crisi - ha dichiarato il primo cittadino - e un fisco a misura di famiglia per sostenere chi già ora garantisce servizi sociali, educativi, assistenziali, inclusione e integrazione sociale". Alla giornata del Meeting ha partecipato anche la delegata del sindaco all'Agenzia per la Famiglia Cecilia Maria Greci.

"Il Quoziente Parma - ha spiegato il Sindaco - serve a rimodulare tasse e tariffe comunali sui reali carichi familiari (figli, anziani assistiti, disabilità, affidi) invece di mettere le mani in tasca alle famiglie per poi restituire servizi generalisti e appesantiti dal costo della burocrazia, lascia le risorse alle famiglie per scegliere liberamente.
La nostra speranza è che il Quoziente Parma apra la strada a una fiscalità nazionale a misura della famiglia."

Il Comune di Parma ha messo a punto il "Quoziente Parma", applicato alle tariffe comunali, già dal 2010 permette alle famiglie parmigiane di beneficiare di tariffe "scontate".
Inoltre, ha fondato, lo scorso 21 maggio, con i Comuni di Roma, Bari e Varese, il "Network di Città per la Famiglia" per promuovere e sviluppare tra i Comuni collaborazioni finalizzate alla diffusione di buone pratiche a sostegno delle famiglie. Il Network ad oggi conta 54 Comuni italiani aderenti.

Il primo cittadino di Parma ne ha discusso insieme al sindaco di Roma Gianni Alemanno, che ha dichiarato nel suo intervento "Roma ha deciso di seguire la stessa strada del Comune di Parma e l'esperienza del Network italiano di città per la famiglia, da Parma a Roma, è una prima possibilità per i Comuni di dare un esempio concreto al Governo".

Hanno partecipato al dibattito anche il presidente della Regione Piemonte Roberto Cota, Francesco Belletti, presidente del Forum delle Associazioni familiari, Luca Pesenti, ricercatore di Sociologia generale all'Università Cattolica Sacro Cuore di Milano e Caterina Tartaglione, presidente del Sindacato delle Famiglie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

  • Bonus affitto per famiglie e persone in difficoltà a causa dell'emergenza Covid: contributo fino a 1.500 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento