Sport

Anche Benarrivo vota Gigi: "Torna dove è nato". E Buffon chiama Fulgoni

Scambio di messaggi tra l'allievo e il suo maestro. L'ufficialità si avvicina e l'ex compagno: "Un atto d'amore per una piazza che non ha mai dimenticato"

Antonio Benarrivo con Fabio Cannavaro (a destra) e la Coppa Italia - foto Ansa

Finirà dove è nato”. Anche Antonio Benarrivo, una delle amicizie più sincere coltivate da Gigi Buffon nella sua avventura al Parma, vuole rivedere il portiere esultare a casa sua, dove tutto è cominciato ormai più di vent’anni fa. La firma sul contratto è qualcosa di superato, ormai, sbrigate le ultime formalità burocratiche, domani sarà il giorno dell’annuncio e oltre al Tweet presidenziale, munito di comprensibile soddisfazione, ci sarà anche una vena poetica nel comunicare il ritorno a casa di uno dei campioni più grandi della storia del calcio, che ha cominciato proprio da Parma e che a Parma chiuderà la sua carriera, prima di rimanere nel mondo del calcio.

La sua forma fisica e la sua passione lo hanno portato a fare questa scelta prettamente di cuore - dice Benarrivo a ParmaToday.it -. Mi sento di dire che Gigi Buffon è l’elemento giusto per ridare entusiasmo a una squadra che meriterebbe la massima serie sempre. Dopo un anno così, il suo arrivo può spostare l’ago della bilancia a favore del Parma”.

Benarrivo ha giocato con Gigi più di 100 partite, vincendo con il portiere all’epoca giovanissimo, una Coppa Uefa nel ’99, nella notte di Mosca. Roba che ancora Gigi ci gode. “Andai a vedere la partita tra Milan e Juventus - spiega l’ex terzino, spesso di base in città - mentre ci scattavamo una foto lui mi dice: “L’unica Coppa Europea che ho vinto è stata con te nel Parma. E quella è rimasta”. Una battuta, sintomatica di un rapporto straordinario tra i due e tra Parma e il portiere che ritroverà in città tanti amici.

Anche Ermes Fulgoni, avvertito del ritorno da Gigi in persona, segno che non ha dimenticato certi valori che lo hanno aiutato a  diventare il grande portiere che è. Gigi arriva motivato, la proposta di fare il secondo a Barcellona non lo ha convinto, ha preferito il progetto Parma e giocarsi il ruolo da protagonista per arrivare laddove osano i grandissimi: partecipare al sesto mondiale dopo Francia ’98, Giappone e Corea nel 2002, Germania 2006, Sudafrica 2010 e Brasile 2014, vincendo un campionato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche Benarrivo vota Gigi: "Torna dove è nato". E Buffon chiama Fulgoni

ParmaToday è in caricamento