Adorni nella Hall of fame del Giro d'Italia

Il ciclista parmigiano entra nella storia degli indimenticabili del Giro d'Italia. Vinse la corsa rosa nel 1965, fu secondo nel '63 e nel '68. E poi quel memorabile mondiale di Imola

Vittorio Adorni - Foto Ansa

E' sicuramente una grande giornata per Vittorio Adorni e per tutta Parma. Se a 82 anni, entri a far parte della Hall of Fame del Giro d’Italia, vuol dire che qualcosa di buono hai fatto. E che il riconoscimento alla carriera, prima o poi, arriva. La vittoria del Giro d'Italia del '65, i due secondi posti centrati nel '63 e nel '68, maglia rosa per 19 giorni. Professionista dal 1961 al 1970, si è piazzato decimo al Tour 1964 e quinto alla Vuelta 1968. In quello stesso anno è diventato Campione del mondo a Imola, mentre è salito sul podio (2°) a Sallanches 1964. Secondo anche a Sanremo nel 1965; nono al Fiandre 1966; settimo alla Roubaix 1965; terzo alla Liegi 1963 e 1964, secondo nel 1965; sesto al Lombardia 1966. Vittorio Adorni ha portato Parma in giro per il mondo, rendendola orgogliosa. Parma, come ha detto lui stesso più volte, lo ha reso un uomo migliore, rendendolo felice nelle sue accoglienze quando tornava da campione. Fino a celebrarlo come ottavo ciclista al mondo a far parte della Hall of Hame del Giro d'Italia dopo Eddy Merckx, Felice Gimondi, Stephen Roche, Francesco Moser, Ercole Baldini, Bernard Hinaul e Miguel Indurain. "È una grande emozione per me oggi e ritengo sia molto bello che il Giro d'Italia ricordi i corridori che hanno fatto qualcosa di importante in questa manifestazione. Il Giro era il sogno di ogni corridore, in particolare di quelli italiani, e che per un motivo o per l'altro nel mio caso continuava a svanire. Il 1965 è stata un'annata che mi ha trovato pronto sia fisicamente che mentalmente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento