menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Foggia resta in B e parte da -15: per Vacca squalifica e ammenda

Il giocatore del Parma deve scontare quattro giornate e 3000 euro

Pesante penalizzazione, ma da scontare nel prossimo campionato, che sarà ancora quello di Serie B. E dopo dieci giorni di angosciante attesa è una sentenza che ha quasi un dolce sapore. Il tribunale Federale Nazionale, Sezione Disciplinare, ha dunque accolto solo parzialmente la richiesta della Procura. Le pene a giocatori, dirigenti e società ci sono e sono anche piuttosto dure (specie quelle comminate ai dirigenti), ma per lo meno la retrocessione in C è stata scongiurata, e c'è sempre la possibilità di effettuare ricorso per ammorbidire la pena.

Le sanzioni

Come si legge nella sentenza, "visti gli artt. 23 e 24 CGS, il Tribunale dispone l'applicazione delle seguenti sanzioni"

- per Vacca Antonio Junior: squalifica di 4 (quattro) giornate, da scontarsi in gare ufficiali oltre all’ammenda di € 3.000,00 (Euro tremila/00). 

Il giocatore del Parma (quasi sicuramente sarà ceduto nella finestra estiva), ha avuto una squalifica con ammenda, come riportato nel comunicato ufficiale della FGIC. Questo l’esito del primo grado del processo sportivo che vedeva sotto accusa il Foggia per gli illeciti amministrativi delle stagioni trascorse in Lega Pro (2015-2016 e 2016-2017) prima della promozione in serie B. Il Tribunale non è arrivato al punto di condividere la richiesta di retrocessione della società pugliese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Tre nuove piste ciclabili: lavori per 1 milione e 150 mila euro

Attualità

Il Museo d’Arte Cinese di Parma protagonista alla Sapienza di Roma

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 84 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Parma potrebbe passare in zona gialla dal 26 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento