Sport

Milan-Parma 2-1 | Il Var ribalta i crociati

Al 70' episodio chiave che svolta la partita: rigore per tocco di Bastoni, trasforma Kessie per il 2-1 definitivo che penalizza troppo il Pamra, passato in vantaggio con Inglese. Prima aveva pareggiato Cutrone

Dal nostro inviato 

MILANO - Sembrava potesse essere uno di quei pranzi rapidi, come in un fast food dove entri, mangi, paghi e vai. L'impressione l'ha data la facilità con cui il Parma si è affacciato dalle parti di Donnarumma un paio di volte. Prima con Grassi subito, dopo con Barillà che ha avuto la palla dell'1-0 sul sinistro ma ha sbagliato lo stop. Peccato, sarebbe potuto essere un buon aperitivo dopo essersi accomodati al tavolo del Milan distante soli due punti da un Parma che arriva in stato di grazia al grande appuntamento. Ambizioso e umile, fiutando la grande opportunità di portare a Parma qualche punto. L'occasione è ghiotta, ma la partita è brutta, perché il Milan la fa, o cerca di farla, fino a un certo punto bene, si affida alla fame di Cutrone e alla classe di Suso che trascina i suoi fino ai sedici metri, poi o sceglie di andare dentro oppure di calciare. Ed è questa la situazione che il Parma soffre perché pronti via si fa prendere in mezzo dalla fisicità di Bakayoko che in mediana fa da scudo alla difesa e lavora una grande quantità di palloni. Quelli del Parma non lo prendono mai, Scozzarella fa fatica a sporcare le linee di passaggio tracciate centralmente e ruba pochissimi palloni per avviare le ripartenze. Gervinho non è Gervinho, quasi si annoia e non vede l'ora che la partita finisca. E Inglese non ha appoggio per scaricare il pallone dietro e puntare l'area, si batte in mezzo a due ossi duri come Zapata e Abate e la spunta pochissime volte. In un paio usa bene il corpo per mandare dentro i compagni e le due occasioni del Parma sono sicuramente frutto di una manovra pensata per sfondare sugli esterni, con Biabiany e Gervais che partecipa di meno alla manovra. Il Milan spinge senza convinzione, il Parma tiene senza neanche rischiare molto concede inevitabilmente qualcosa e passa al 5' del secondo tempo con una grande zuccata di Inglese che si arrampica in cielo, prende l'ascensore e inchioda Donnarumma bruciando il suo marcatore. 1-0  e palla al centro. Gattuso corre ai ripari, deve vincere e dà peso all'attacco con Borini dietro Cutrone. Suso e Calhanoglu alti e frutti subito raccolti: uno-due fortunato dei rossoneri che prima pareggiano con Cutrone su regalo di Scozzarella, poi passano con Kessie per un rigore assegnato dal Var per un mani di Bastoni. Il pranzo finisce qui, il Parma esce da San Siro con la consepevolezza di aver sprecato un'occasione gigantesca per affermarsi in uno stadio sontuoso che vede uno dei Milan più brutti di sempre e fortunato. 

MILAN-PARMA 2-1 

Marcatori: 50' Inglese (P), 55' Cutrone (M), 70' Kessie (M)

MILAN (4-3-3): Donnarumma 6; Calabria 6, Abate 6, Zapata 6, Rodriguez 5, Kessie 7, Mauri 6 (53' Borini 5,5), Bakayoko6,5; Suso 5 (88' Castillejo sv), Cutrone 6, Calhanoglu 5,5. All: Gattuso 6,5

PARMA (4-3-3): Sepe 6; Iacoponi 6, Bruno Alves 6, Bastoni 5, Gagliolo 6; Grassi 6,5 (83' Ceravolo sv), Scozzarella 5,5 (78' Stulac 5) Barillà 5,5; Biabiany 6, Inglese 7, Gervinho 4,5 (61' Ciciretti 5). All: D'Aversa 6

Arbitro: Sig. Calvarese di

Note: Ammoniti: Borini (M), Iacoponi (P), Castillejo (M). 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milan-Parma 2-1 | Il Var ribalta i crociati

ParmaToday è in caricamento