menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma 1913 | A Monticelli la squadra di Apolloni ne fa otto. Miglietta e Guazzo in grande spolvero

Il mediano cresce di condizione e si prenota per un posto da titolare contro il Ravenna. Bene anche l'attaccante che con Corapi affina sempre più l'intesa. Gol di Corapi, Sereni, Guazzo, Melandri (2), Baraye e Ricci (2)

Dal nostro inviato
Guglielmo Trupo

MIGLIETTA: 'RAVENNA? SE SIAMO UMILI POSSIAMO FARE UNA BELLA PARTITA' - Crocefisso Miglietta si è ripreso la scena. Corsa e intuizioni di prima roba, quest'ultima, che non gli è mai mancata. L'infortunio sembra essere alle spalle, lui è pronto: "Stiamo facendo bene perché 12 vittorie e 4 pareggi sono un ottimo bottino. Festeggeremo solo alla fine se avremo l'occasione, stare fuori non è bello perché non ti alleni e non fai il tuo lavoro, ma domenica sono pronto. Siamo tanti bravi e molto importanti tutti, Corapi mi lascia il posto perché va sulla trequarti? Lo ringrazio, scherzi a parte è meglio se siamo in tanti perché il mister può scegliere. Io mi ritengo pronto, perché sto recuperando. Domenica affronteremo una squadra che sta facendo bene da quando ha cambiato allenatore e se restiamo umili possiamo fare una bella partita. Ho giocato 60' sto bene e mi candido. Ora ci sono tre partite importanti che ci diranno molto, sono fondamentali, ci sono nove punti e se li facciamo tutti allunghiamo. Anche se dal 6 gennaio comincia un campionato nuovo con molte squadre che cambieranno. Pensiamo però al Ravenna".

VIDEO: INTERVISTA A MIGLIETTA

MONTICELLI - Nella nebbia di Monticelli il Parma di Apolloni fa le prove per domenica, quando al Tardini affronterà il Revenna, squadra che attraversa un ottimo momento. Dopo  i pareggi contro Altovicentino e Forlì, la squadra romagnola galvanizzata dalla serie positiva affronterà i crociati cercando di contrastare la forza dei crociati che a Rovigo hanno dimostrato grande compatezza e forza in tutti i reparti. Con Musetti non al meglio, Apolloni si affida a Guazzo che sembra avere una marcia in più in questo periodo. Dopo tutte le polemiche che gli sono piovute addosso, il bomber ex Entella ha trovato la strada giusta segnando il primo gol contro il Delta, propiziando il rigore e corredando il tutto con un ottima prova che ha regalato al Parma una risorsa in più. Contro il Monticelli, squadra che milita in promozione, il centravanti si è fatto notare non solo per un gol splendido da fuori area, il terzo del Parma, ma per l’intesa ottima con i compagni e in particolare con Corapi schierato ancora una volta nella linea dei trequartisti alle sue spalle. Scambi veloci, tagli in area e attacco della profondità. Un’ottima intesa anche con l’altro rientrante, Chris Miglietta che si è piazzato in mezzo a randellare e dettare i tempi per gli inserimenti di Melandri e Sereni che vanno a completare il reparto avanzato. Il primo tempo ha visto una formazione simile a quella che Apolloni ha in testa  per domenica. A parte il portiere, Fall al posto di Zommers nei primi  45’, in difesa c’erano Adorni, Cacioli, Lucarelli e Saporetti. Simonetti va verso la conferma con Giorgino che non ha preso parte all’amichevole infrasettimanale per precauzione. Al suo posto come detto Miglietta che gioca anche un quarto d’ora della secondo tempo. Pronti via, Parma in vantaggio dopo un quarto d’ora con Corapi che al 16’ segna dopo un’azione da lui stesso avviata. Raddoppio in rapida successione, al 18’ tocca a Sereni che dimostra di stare bene e si propone come alternativa a Ricci che ha trovato spazio nella ripresa a destra, in posizione di ala. Il fatto che Guazzo stia bene, come si diceva sopra, lo dimostrano corsa e tentativi di risolvere la partita con giocate fantasiose, come un tiro centrocampo, alla Quagliarella per intenderci. Chi ha stentato, mantenendosi sugli standard delle ultime uscite, è Melandri che malgrado i due gol, è apparso parecchio in affanno rispetto ai compagni. L’attaccante non è sul mercato ma, in caso di offerta, potrebbe pensarci dato che per Apolloni non rappresenta più una prima scelta. E’ un po’ quello che rischia di succedere a Baraye che con il Delta ha cominciato dalla panchina e rischia di finirci anche domenica. Nonostante la quasi doppietta, (uno glielo ‘ruba’ Ricci dopo un bel pallonetto), il senegalese appare involuto e svogliato. Al contrario di Ricci che corre e firma la sua doppietta personale dimostrando una buona forma. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento