La formazione anti-Cagliari: tanti dubbi e poche certezze per D'Aversa

Con tre giorni a disposizione per valutare le condizioni di tutti i giocatori, il tecnico lavora per allestire il miglior undici

Roberto D'Aversa - foto Ansa

Dietro ai cancelli di Collecchio, il Parma si rintana per preparare la delicata sfida con il Cagliari, una squadra che in due partite ha inanellato zero punti. Maran è partito male, ma D’Aversa certo non si illude e sa che questo momento non durerà in eterno. Tenere alta l’attenzione del gruppo è la priorità del tecnico che da un lato studia l’avversario e le possibili contromisure, dall’altro la formazione da opporre a Nainggolan e compagni, attesi al Tardini con più fame che mai.

La voglia di invertire la rotta per il Cagliari è forte, e la frenesia – misto al bisogno di fare punti – potrebbe giocare brutti scherzi agli uomini di Maran, quasi costretti a fare risultato per forza. E questo potrebbe essere un piccolo vantaggio per il Parma, che si è chiuso da mercoledì nel suo quartier generale per evitare ogni tipo di distrazione e preparare al meglio una partita che può valere un passo importantissimo verso l’obiettivo. Siamo alla terza giornata di campionato, è ancora obiettivamente molto presto per tracciare bilanci di ogni tipo, ma il detto ‘chi ben comincia è a metà dell’opera’ vale sempre. Anche nel calcio. Soprattutto.

Il Parma visto a Udine è lontano, la pausa ha un po’ scombussolato i piani del suo allenatore costretto a fare a meno di Alberto Grassi, che si è bloccato per un ‘sovraccarico al ginocchio destro’. Con Kucka che torna dalla Nazionale (bisognerà vedere come sta dopo gli impegni con la Slovacchia), Barillà che pare già insostituibile, D’Aversa deve scegliere i componenti della sua mediana che sicuramente poggerà sui polmoni di Nino. La scelta per il regista ricadrà sicuramente su uno tra Hernani (che garantisce struttura fisica e forza) e Brugman (dinamico e più geometrico). Con due terzi dell’attacco già fatto (con Inglese e Gervinho probabile ci sia ancora Dejan Kulusevski, da valutare dopo gli impegni con la Nazionale Under 21 svedese), l’unico reparto in cui Bob potrebbe avere più dubbi è la difesa.

In questo momento, con l’arrivo di Darmian e Pezzella – ultimi doni di un mercato che ha rinforzato la squadra – c’è abbondanza nel reparto difensivo, tanto che D’Aversa può contare su due terzini puri. Il primo – Darmian – probabilmente giocherà dall’inizio; il secondo, Pezzella, avrà una chance sulla mancina e il suo probabile impiego metterà D’Aversa di fronte a una scelta: chi farà coppia con Bruno Alves? Iacoponi (che l’anno scorso non ha saltato neanche una partita ed è l’uomo che va bene per tutte le stagioni) o Gagliolo, un altro che vive un momento magico? Con ancora tre giorni davanti, il tecnico lavora per sciogliere il dubbio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto a Varano dè Melegari, esce di strada con l'auto: muore 33enne

  • Venditti: "Ci hanno tolto la luce, abbiamo interrotto il concerto: imbarazzante"

  • Artigiano 35enne di Busseto stroncato da un malore in vacanza

  • "Quel medico ha cercato di infilarmi le mani sotto gli slip: ho rischiato di ferirmi con l'ago"

  • Sorbolo, pauroso frontale tra due auto in via Mantova: tre feriti gravi

  • Paura al Paganini, fulmine fa esplodere una parte di muratura: auto danneggiate

Torna su
ParmaToday è in caricamento