menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Jhon Lizhang - foto Parmatoday.it

Jhon Lizhang - foto Parmatoday.it

Parma, per CR7 arriva anche Lizhang

Il presidente è atteso sabato per il grande appuntamento. La sua prima in Serie A sarà contro il portoghese e la sua Juventus (salvo imprevisti)

La prima partita di cartello, quella con la Juventus, sarà l'occasione per rivedere Jhon Lizhang allo stadio. Il presidente cinese, che ci aveva lasciato nella notte dei festeggiamenti per il raggiungimento della storica promozione in Serie A, sarà - salvo imprevisti, in questi viaggi va sempre calcolata la possibilità che tutto salti all'ultimo momento - al Tardini per gustarsi il ritorno tra i grandi del suo Parma. Contro i bianconeri di CR7, il numero uno di Desports siederà in tribuna accompagnato dalla sua segretaria Lin Feng e dal suo braccio destro operativo sul campo, Antonio Cordòn (che è il suo punto di riferimento per quanto riguarda la parte tecnica), sulle poltrone della Tribuna d'onore al fianco dei soci parmigiani in quello che sarà uno stadio da ventiduemila posti. Un Tardini tutto esaurito che accoglierà il ritorno di una sfida dal sapore fortemente nostalgico che evoca vittorie importanti (la Coppa Italia nel  1999, quella del 2002, la Coppa Uefa del 1995) e qualche sconfitta cocente, ma che conserva il fascino di un calcio che conta e che adesso non pare esserci più. La corazzata Juventus muoverà tifosi da ogni parte d'Italia, come sempre accade in questi eventi, la corsa al biglietto è durata poco meno di un'ora. Dopo un punto in due partite, il Parma dovrà almeno dimostrare di aver capito la lezione e imparare da quegli errori che non gli hanno permesso (contro Udinese e Spal) di esprimersi al meglio e portare a casa qualcosa in più. Fare risultato in partite del genere è difficile, ma l'assunto secondo cui nulla è impossibile, accompagnerà il Parma e darà forza ai suoi giocatori per tentare l'impresa di fermare l'inarrestabile Juventus, che da sette anni detta legge e vince.

Ma non si saranno solo i riflettori del grande calcio per Lizhang: probabilmente, il presidente cinese, ascolterà anche qualche mugugno per un mercato che ha portato poca qualità e in cui - a detta del direttore sportivo Daniele Faggiano - si è lavorato con un budget abbastanza esiguo con il quale è stato fatto il massimo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento