rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Attualità

Il 22 dicembre sciopero dei settori commercio e turismo

FILCAMS, FISASCAT e UILTUCS al fianco di lavoratrici e lavoratori per chiedere il rinnovo dei contratti nazionali al grido "Il contratto ci spetta!"

Terziario, Distribuzione Moderna Organizzata, Distribuzione Cooperativa. Turismo, Alberghi, Pubblici Esercizi, Ristorazione Collettiva e Commerciale, Agenzie di Viaggi e Aziende Termali. Il prossimo venerdì 22 dicembre sarà sciopero per gli oltre 5 milioni di lavoratrici e lavoratori in attesa, da troppo tempo - fino a 5 anni in alcuni comparti - dei rinnovi dei contratti nazionali.

La giornata di stop indetta da FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS UIL è finalizzata denunciare lo stallo delle trattative ad ottenere una ripresa dei negoziati, e restituire potere d'acquisto dei salari erosi dall'inflazione e dall'aumento del costo della vita, mentre i settori del Terziario e del Turismo registrano un aumento dei fatturati. Una fase di mobilitazione che da mesi sta andando avanti con il blocco degli straordinari e che impone una svolta.

Il messaggio, rivolto alle associazioni imprenditoriali di settore, è chiaro: non c’è più spazio e tempo per tattiche dilatorie o espedienti volti a eludere un’assunzione di responsabilità da parte delle imprese e delle loro associazioni di rappresentanza.

Per queste ragioni, anche lavoratrici e lavoratori di Parma scenderanno in piazza a Milano il prossimo 22 dicembre con FILCAMS, FISASCAT e UILTUCS al grido "Il contratto ci spetta!".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 22 dicembre sciopero dei settori commercio e turismo

ParmaToday è in caricamento