menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"A Parma attivo dal 1 dicembre il Progetto “Lavoro Sereno” per la Polizia Penitenziaria"

L'annuncio di Errico Maiorisi, Presidente dell’Asopope Onlus

“Il personale sereno al lavoro ne migliora la qualità. Questo è vero anche per il carcere: se chi ci lavora riesce ad avere la possibilità di un servizio per l’ascolto e l’analisi delle problematiche. Questa è una delle missioni all’origine della creazione nel 2016 dell’Associazione di Sostegno alla Polizia Penitenziaria e ai suoi problemi. In primis l’analisi e la cura della sindrome da burnout e degli eventi improvvisi traumatici nella Polizia Penitenziaria, un fenomeno che coinvolge chi, come gli agenti in servizio in carcere, ha a che fare tutti i giorni con conflittualità, sofferenza e tensione. 

“È una situazione che si può quasi definire fisiologica- la definisce il presidente Maiorisi, anch’esso appartenente al Corpo e presidente e socio fondatore dell’Associazione- e il disagio, il bisogno di ascolto del personale tutto, ha portato lo stesso e i soci fondatori ( tutti appartenenti alla Polizia Penitenziaria ). Il miglioramento delle condizioni psicologiche del personale che non trova nessun apporto dall’Amministrazione Peniteziaria, ha portato alla destinazione delle risorse del 5% mille delle donazioni a questo progetto, con la creazione di un centro di ascolto e di un percorso psicologico tramite convenzione con un studio psicoterapeuta. Partendo con un primo contatto telefonico, rivolto al personale del carcere, in special modo alla Polizia Penitenziaria e via via in base al caso, con il proseguimento tramite un percorso di recupero con il professionista, si cercherà di portare un po’ di benessere e serenità. Un progetto pilota che potrebbe tranquillamente diventare un modello da esportare al perosnale di tutte le carceri della nostra regione”. Troppi sono stati i casi suicidi nella Polizia Penitenziaria e troppe sono le difficoltà psicologiche silenti che si riscontrano nel personale, la carenza degli organici, le lunghe turnazioni, la lontanza da casa e il confronto e le problematiche con il contatto verso i bisogni della popolazione detenuta nello svolgimento del servizio. Il servizio sarà attivo in via sperimentale per tutto il 2019.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, 76 nuovi casi e 3 morti

  • Cronaca

    Covid: a Parma e provincia riaprirà un ristorante su due

  • Cronaca

    Vaccino: al via le prenotazioni per i genitori dei minori disabili

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento