rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Attualità

Alta Velocità a Parma, parere negativo del Governo

"Per servire Parma percorrendo la rete Av, occorre utilizzare l'interconnessione di Fidenza. Elemento che viene evidenziato come "un fattore rilevante di aggravio sul tempo di percorrenza"

Ennesima porta chiusa alla possibilità di agganciare la stazione di Parma alla linea dell'alta velocità, tramite la cosiddetta "interconnessione" già esistente. Rispondendo ad un'interrogazione della deputata di Azione Giulia Pastorella, infatti, il sottosegretario del ministero delle Infrastrutture Tullio Ferrante ha riportato il parere sostanzialmente negativo delle Ferrovie dello Stato. Che fanno notare, in primo luogo, come "i tempi di percorrenza delle interconnessioni incidono significativamente sulla durata complessiva della traccia". A titolo comparativo, viene spiegato, "una fermata su una linea di velocità a 300 chilometri orari comporta un perdita di tempo di circa otto-10 minuti, mentre la diversione del traffico per il tramite delle interconnessioni, nelle più favorevoli condizioni di tracciato, difficilmente comporta perditempo minori di 25-30 minuti". Per quanto riguarda l'interconnessione di Parma poi, si estende per circa sette chilometri, è a doppio binario ed è realizzata principalmente come struttura di sicurezza e manutenzione per l'alta velocità. Inoltre è percorribile con una velocità massima di 150 chilometri orari per i primi 2,5 chilometri, di 100 chilometri all'ora per i successivi 3,5 e fino a 70 chilometri orari per il restante chilometro. 

Continua il Gruppo Fs: "Allo stato attuale, tale interconnessione collega Parma con la linea Av dal lato Bologna. Non esiste invece un'analoga interconnessione lato Milano. Ciò comporta che, per servire Parma percorrendo la rete Av, occorre utilizzare l'interconnessione di Fidenza percorrendo quindi l'intera tratta Fidenza-Parma su linea tradizionale per 22 chilometri". Tale elemento, viene evidenziato, "rappresenta un fattore rilevante di aggravio sul tempo di percorrenza rispetto alle relazioni che percorrono da Milano a Bologna la linea AV senza fermate intermedie (eccetto la Mediopadana di Reggio Emilia, ndr)". Nella stazione della città ducale, ad oggi, transitano 15 Frecciarossa e e 2 Eurocity al giorno. "Il ministero- dice il sottosegretario Ferrante- conferma la sua disponibilità a verificare l'individuazione delle migliori soluzioni per garantire al territorio di Parma, in considerazione del suo tessuto produttivo, turistico e culturale, una maggiore accessibilità all'alta velocità nonché una più adeguata organizzazione dei servizi di trasporto". Non soddisfatta della risposta Pastorella, che proseguirà "la propria attività di sensibilizzazione e interlocuzione con la Giunta comunale di Parma, affinché tale capoluogo venga efficacemente inserito nelle grandi direttrici dell'alta velocità, cosa che oggi non è

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alta Velocità a Parma, parere negativo del Governo

ParmaToday è in caricamento