rotate-mobile
Attualità

Conclusa la manutenzione ordinaria di opere idrauliche nel bacino Parma e Baganza: 375mila euro.

Realizzati lavori per 30mila euro nel reticolo minore nei comuni di Parma e Langhirano. Gli interventi hanno interessato rii e canali compresi nel bacino del Cinghio e del Cavo Ariana o La Riana

Si sono conclusi i cantieri per i lavori di manutenzione alle opere idrauliche nel bacino del Parma e del Baganza, nel territorio parmense. Gli interventi che hanno interessato rii e canali compresi nel bacino del Cinghio e del Cavo Ariana o La Riana, localizzati in località Fontanini e Gaione nel comune di Parma e in località Calicella nel comune di Langhirano, rientrano tra le opere di manutenzione ordinaria funzionali al miglioramento dell’efficienza dei corsi d’acqua e alla riduzione del rischio idraulico.

L’intervento, realizzato dall’Ufficio di Parma dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e Protezione civile, è stato finanziato con 30mila euro dal Programma 2021-23 degli interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico e per la sicurezza del territorio, e fa parte del terzo lotto di lavori che coinvolgono il comparto di pianura degli affluenti del torrente Parma, per un totale di 375mila euro.

I lavori

Per quanto riguarda le opere, in località Fontanini, per un tratto di circa 450 metri nell’alveo del Cavo Ariana in prossimità del Podere Portici, è stato realizzato il taglio selettivo della vegetazione, con l’eliminazione di piante di notevoli dimensioni che ostacolavano il deflusso delle acque e creavano pericolo per la sicurezza idraulica e la viabilità sulla SS 665-Strada Massese.  Per ottimizzare l’efficienza idraulica è stato inoltre realizzato il risezionamento dell’alveo del canale.

Anche a valle di Ca’ Pina è stato realizzato il taglio di singoli esemplari arborei presenti nell’alveo che ostacolavano il regolare deflusso della corrente e costituivano un potenziale pericolo, in caso di crollo.

A Gaione, nel torrente Cinghio, in prossimità di Villa Paganini, si è rilevata la presenza di un consistente deposito di materiale che ha causato la deviazione delle acque e la conseguente formazione di una profonda erosione sulla sponda destra. Per questa ragione è stata tagliata la vegetazione e successivamente risagomato l’alveo, rimuovendo il materiale di deposito. E’ stata anche costruita una difesa spondale in massi ciclopici nell’area colpita dall’erosione.

Infine, in località Calicella, nel comune di Langhirano, si è intervenuti nell’alveo del canale San MicheleTorrechiara. Qui sono stati asportati tronchi e materiali di vario genere, in particolare nei pressi degli attraversamenti, e sono stati realizzati interventi di risagomatura e di taglio della vegetazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conclusa la manutenzione ordinaria di opere idrauliche nel bacino Parma e Baganza: 375mila euro.

ParmaToday è in caricamento