Coronavirus, Venturi contro Borrelli: "Il 1° maggio a casa? Smettetela di diffondere opinioni senza certezze"

Il Commissario ad acta: "No al fuoco amico da esponenti del Governo in questo momento: non ascoltiamo le opinioni da bar"

E' un attacco chiato ed esplicito quello del Commissario ad acta della Regione Emilia-Romagna Sergio Venturi al capo della Protezione Civile Antonio Borrelli che, nella giornata del 3 aprile, ha dichiarato che il Primo Maggio saremo ancora a casa dicendo che "è plausibile una proroga delle misure fino al 16 maggio". 

"Non posso accettare - ha sottolineato Venturi durante la diretta Facebook del 3 aprile - che qualcuno dica che il primo maggio saremo ancora a casa, perchè lo si dice senza avere certezze. E' un'opinione: un conto è l'opinione da bar ma se invece viene da un esponente del governo la gente ne tiene conto. Smettetela di raccontarci che il primo maggio saremo ancora in casa e che il 18 forse riapriremo tutto perchè non abbiamo nessuna certezza. Ogni giorno assistiamo a un exploit in interviste radio, non è possibile dover sempre gestire delle uscite che non hanno nè capo nè coda. Non è il momento opportuno per avere a che fare con il fuoco amico. Non ascoltiamo le opinioni da bar. Prima di esprimere opinioni in libertà diteci cosa avete in mente. Lavoriamo tutti nella stessa direzione cercando di evitare, tutti, il bar sport che non aiuta"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 ristoranti a Parma: ecco quali sono i locali visitati

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Viola il coprifuoco per andare a trovare la fidanzata: giovane multato per 400 euro

  • Parma scongiura la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento