rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Attualità Collecchio

Pedemontana sociale, percorsi per superare la disparità digitale di genere

Iniziato a Collecchio il primo corso di alfabetizzazione informatica promosso da Pedemontana sociale ed organizzato da Centoform

Nel mondo si chiama “gender digital divide”, in Italia “disparità digitale di genere”, ma il significato è lo stesso: la diseguaglianza di competenze informatiche tra uomini e donne. E ancora una volta a dover colmare questo divario è, purtroppo, il genere femminile. Secondo il Global Gender Gap Report 2023, l’Italia è al 79esimo posto su 146 Paesi presi ad esame e al 21esimo in Europa. Una diseguaglianza, oltretutto, in aumento.

È per questo che Azienda Pedemontana sociale ha accolto la proposta presentata da Centoform, primario ente di formazione di livello europeo accreditata dalla Regione Emilia-Romagna, ed ha promosso il progetto “Superare il Digital Divide: competenze di accesso”, che prevede corsi di alfabetizzazione informatica gratuiti con l’obiettivo di accrescere le competenze digitali per rafforzare le potenzialità personali la propria spendibilità nel mondo del lavoro.

I percorsi formativi, finanziati dalla Regione Emilia-Romagna attraverso il Fondo Sociale Europeo (FSE), prevedono un minimo di otto partecipanti e sono rivolti apersone, in questo caso donne, che necessitano di acquisire conoscenze digitali, nell’ottica di rafforzare le proprie competenze per avere maggiori possibilità di trovare un’occupazione, per esempio imparando a utilizzare gli strumenti di videoscrittura e i fogli di calcolo elettronici, la gestione dei file, i browser per navigare in internet e la posta elettronica. Ma i corsi tratteranno anche di impostazioni, periferiche hardware, sicurezza e protezione dei dati. Le lezioni si svolgeranno il lunedì, mercoledì e venerdì mattina, e al termine verrà rilasciato l’attestato di frequenza.

Il primo corso ha preso il via nella mattinata di lunedì 25 marzo a Collecchio, nella Sala riunioni dell’Assistenza Volontaria. A dare il benvenuto alle “alunne” sono intervenute la sindaca, Maristella Galli, l’assessore alle Politiche sociali Costanza Guerci, la coordinatrice delle Aree tecniche di Pedemontana sociale, Laura Cannarsa, e il responsabile progettazione e socio di Centoform Alberto Gulinelli. 

«Per noi è fondamentale realizzare questa attività formativa e rendere un servizio al territorio per l’inclusione e l’integrazione, in questo caso delle donne straniere – ha sottolineato Gulinelli –. Il rapporto con le istituzioni locali per Centoform è fondamentale, perché quello che facciamo ha un senso se dà risposte a delle necessità. Centoform si occupa, infatti, di formazione permanente rivolta agli adulti a trecentosessanta gradi, partendo proprio dalle esigenze del territorio».

«La proposta dell’ente di formazione è stata subito accolta, proiettando il pensiero in favore di persone in cerca di occupazione, in particolare donne, individuatedal servizio sociale che, mediante una informazione guidata dai professionisti del servizio, potessero capire lo scopo del corso – spiega Cannarsa –. È ormai noto come tanti servizi al cittadino passino dalla conoscenza informatica: dall’iscrizione a scuola dei figli a richieste di assegno al nucleo o assegno di inclusione. Abbiamo quindi deciso di favorire donne che difficilmente avrebbero ricevuto l’informazione di corsi gratuiti e specifici per migliorare le proprie competenze digitali aggiungendo la possibilità di far svolgere il corso a Collecchio - presso la sala dell’Assistenza Volontaria che ha, a sua volta accolto positivamente l’iniziativa, concedendo i propri spazi e limitando il più possibile gli spostamenti territoriali che spesso, e ancora, sono un ostacolo per donne non autonome».

«È bellissimo vedere donne come voi, che si impegnano in questo ambito – ha detto la sindaca Galli rivolgendosi alle corsiste –. Questo corso vi aiuterà nel rapporto con l’Amministrazione comunale e aiuterà anche noi nel potervi garantire un accesso ai servizi online».L’assessore Guerci ha messo in evidenza come il corso rappresenti una «opportunità unica. Spero possa esserviutile, anzi lo sarà sicuramente, perché le competenze digitali sono ormai imprescindibili. E vorrei ringraziare l’Assistenza Volontaria, che ha dato la propria disponibilità ad ospitarlo». 

Un analogo, secondo corso, inizierà ad aprile a Monticelli Terme (Montechiarugolo) nella sede del Centro giovani Air Jam al Polivalente “Pasolini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedemontana sociale, percorsi per superare la disparità digitale di genere

ParmaToday è in caricamento