Piccole Figlie Hospital avvia servizio di videochiamata per i pazienti Covid-19 ed i loro parenti

Ecco come accedere al servizio

Da domani i parenti dei pazienti Covid-19 ricoverati presso Piccole Figli Hospital potranno effettuare una video chiamata quotidiana con i loro cari. Il servizio si aggiunge a quello dei medici che, sempre su base giornaliera, tengono regolarmente informati i parenti dello stato di salute dei pazienti.

“Una delle caratteristiche dei pazienti che hanno contratto il Coronavirus - commenta Roberto Gallosti, amministratore delegato di Piccole Figlie Hospital - è che devono rimanere isolati e quindi, dal momento del ricovero, perdono il contatto fisico e anche visivo con i loro coniugi, genitori, figli. Si tratta di una condizione infelice, che vogliamo in parte ovviare attraverso la video chiamata, tramite uno smartphone dedicato. Le prime prove finora effettuate hanno restituito, anche per pochi minuti, il sorriso ai pazienti”.

“Dalle prime videochiamate – racconta Agata Del Nevo, medico nel reparto Covid-19 – abbiamo visto che si genera un entusiasmo incontenibile nei familiari, perché vedere il proprio congiunto, e non solo sentire un medico, dà un altro impatto in questa situazione. Trapela molto affetto nello scambio”. 

Per accedere al servizio è necessario prenotarsi, tramite un modulo sul sito www.pfhospital.it oppure mandando un messaggio privato alla pagina facebook di Piccole Figlie Hospital con i propri riferimenti e la fascia oraria di preferenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Le contraddizioni del decreto: zona arancione con più limitazioni della zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento