rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Attualità

“Scacco Alla Truffa 2023”, riparte la campagna di comunicazione

Tra le novità di questa edizione il coinvolgimento dei giovani e delle scuole

Riparte la campagna di comunicazione “Scacco Alla Truffa”, realizzata con la collaborazione del disegnatore parmigiano Gianluca Foglia, in arte Fogliazza, frutto del Protocollo d’Intesa nato nel 2021 e rinnovato anche per il 2023, firmato dal Comune e la Prefettura di Parma per la prevenzione e il contrasto delle truffe agli anziani, ma anche ai cittadini di tutte le età. La campagna di comunicazione proseguirà quindi anche nel 2023 attraverso la pubblicazione delle vignette di Fogliazza, che raccontano in immagini le diverse tipologie di truffe che ciascuna persona nella quotidianità può “mettere in scacco”, impedendo all'avversario ogni contromossa, così da prevenire e contrastare i raggiri, smascherarli, denunciarli e aiutare gli altri. Un progetto accattivante ed efficace che rappresenta lo strumento principale di comunicazione degli obiettivi del Protocollo d’Intesa di Comune e Prefettura e finanziato dal Fondo per la prevenzione e il contrasto delle truffe agli anziani, in collaborazione con l’associazione di promozione sociale ANCeSCAO - Associazione Nazionale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti. Oltre alle vignette di Fogliazza, che appariranno nelle affissioni previste in giro per la città e sui canali social, verrà presentato e diffuso on line un breve video elaborato dal disegnatore parmigiano. Novità di quest’anno sarà in particolare il coinvolgimento delle giovani generazioni, attraverso la collaborazione con alcuni istituti superiori, come il Liceo “Bertolucci” e l’ITIS “Leonardo da Vinci”, per approfondire con i ragazzi il tema della “persuasione digitale”, chiedendo il loro supporto per diffondere a nonni e famigliari, amici e conoscenti anziani, ma non solo, i giusti atteggiamenti e le precauzioni da mettere in atto per contrastare le truffe online.

“Riteniamo fondamentale – ha detto l’assessore alle Politiche Sociali Ettore Brianti – coinvolgere in questo progetto di prevenzione e contrasto alle truffe anche le giovani generazioni per indirizzarle a un utilizzo il più possibile corretto degli strumenti tecnologici come smartphone e pc, ma anche perché possano essere in grado di aiutare i proprio familiari e conoscenti meno giovani a difendersi da questi fenomeni”. “Siamo decisi nel continuare questa progettualità – ha commentato il Prefetto di Parma Antonio Lucio Garufi – visto che il fenomeno delle truffe rappresenta una delle nuove frontiere dell’illegalità, che coinvolge non solo gli anziani, ma anche i giovani, seppur molto più abituati e esperti di dispositivi informatici e servizi on line. Dobbiamo potenziare tutti gli strumenti che possano informare e proteggere i cittadini da questi crimini”. “Le truffe – ha sottolineato Benedetto D’Accardi, Presidente di ANCESCAO Parma, riportando una sintesi delle attività comunicative e degli incontri dell’edizione precedente della campagna – sono un fenomeno in espansione e quindi la continuità di questo progetto è particolarmente significativa. Il coinvolgimento delle scuole e dei ragazzi rappresenta un modo per costruire una rete sempre più efficace per la prevenzione anche delle persone più fragili”. “Un aspetto molto importante che riguarda questa nuova campagna – ha commentato Gianluca Foglia, in arte Fogliazza – è quello di spingere a denunciare: dobbiamo fare in modo di non farci rubare anche questo diritto, superando il sentimento di vergogna e frustrazione caratteristico del sentirsi raggirati. Ricordiamoci che la truffa è democratica e tocca e riguarda tutti noi e tutte le generazioni”.

È fondamentale quindi intensificare gli strumenti di comunicazione e di prevenzione, soprattutto per gli anziani, in modo da incrementare e diffondere l’informazione e la consapevolezza del fenomeno. L’obiettivo è cercare di tutelare i soggetti più fragili, supportandoli anche nel superare il senso di vergogna, purtroppo istintivamente spontaneo nel momento in cui ci si accorge di essere vittime di raggiro, e spingendo loro a denunciare, così da renderli parte attiva nella lotta alle truffe. Per questo sono previsti anche dei laboratori pratici sull’utilizzo degli smartphone e dei pc per segnalare tutti quei trabocchetti in cui le persone anziane, ma non solo, rischiano di cadere. Proseguiranno inoltre gli incontri “in-formativi”, che hanno registrato un’alta partecipazione dei cittadini nella scorsa edizione, durante i quali le persone anziane possono confrontarsi con la Polizia di Stato e con le altre Forze dell’Ordine per ottenere indicazioni sulle tipologie di truffe e le conseguenti azioni da intraprendere. Si presenteranno nuove tipologie di truffe coinvolgendo professionisti dell’ambito sanitario e alimentare. Gli incontri si svolgeranno in alcuni Centri Sociali e nella sede dei Carabinieri all’interno del Parco Ducale (un modo per scoprire anche un luogo non sempre conosciuto dai cittadini). Inoltre, su un sito Internet in fase di apertura, sarà presente uno sportello digitale dove professionisti e tecnici risponderanno a dubbi e domande dei cittadini sul tema delle truffe.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Scacco Alla Truffa 2023”, riparte la campagna di comunicazione

ParmaToday è in caricamento