Sciopero dei lavoratori della giustizia: ecco cosa chiedono

I sindacati di categoria di CGIL, CISL e UIL: “Una giustizia efficiente passa dalla valorizzazione del personale”

Il prossimo venerdì 28 giugno anche a Parma le lavoratrici e i lavoratori della giustizia incroceranno le braccia per l’intera giornata. Chiedono al Ministro maggiori risorse, un piano di nuove assunzioni, la riqualificazione del personale già in servizio. Lo sciopero è proclamato unitariamente dai sindacati di categoria di CGIL, CISL e UIL, che rivendicano che “una giustizia efficiente passa dalla valorizzazione del personale”. 

La situazione generale

L’attuale dotazione organica del Ministero è di 43.658 unità ma attualmente ci sono 9.265 posti vacanti; nel 2018 ci sono state 2.217 unità in uscita e nel triennio 2019-2021 si stima un decremento di circa 5.000 unità, senza contare gli effetti della “Quota 100”.

È ragionevole affermare che nel 2021 il vuoto di organico sarà pari al 50% della dotazione organica.

Il personale in servizio ha un’età media di 57 anni ed è demotivato anche perché viene pagato meno degli altri lavoratori pubblici pur a fronte di sforzi continui per sopperire ai vuoti di organico.

A ciò si aggiunga che il Ministero si dimostra praticamente inerte sulle istanze dei lavoratori che chiedono: la riqualificazione professionale, maggiore formazione, nuove assunzioni, la stabilizzazione dei precari, più incentivi economici, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, il rispetto degli accordi ed in generale il rispetto del lavoro.

Giova ricordare che la percezione della Giustizia da parte dei cittadini è legata anche alla efficienza delle strutture e per questo è necessario impegnare strumenti e risorse adeguate: solo così la Giustizia potrà realizzarsi quale diritto costituzionalmente garantito.

La situazione di Parma

Gli Uffici Giudiziari di Parma sostengono e garantiscono l'amministrazione della giustizia a favore di una comunità distribuita su ben 45 Comuni, in un contesto sociale complesso e in continuo mutamento.

Il numero dei processi civili e penali ad oggi pendenti è rilevante: in particolare, all’interno del Distretto della Corte di Appello di Bologna, Parma presenta la più elevata pendenza di cause civili.

Il tutto con l’organico del personale amministrativo in situazione di gravissime carenze: nel Tribunale la scopertura dei posti è pari al 20%della dotazione organica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Senza una rapida svolta nelle politiche del personale non ci sarà alcun futuro per il servizio giustizia in Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pizzarotti furioso: "Non è una gara a chi è più stupido"

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento