Coronavirus, Scozzarella legge Rodari per i piccoli tifosi: "Ragazzi, state a casa"

Il Parma su Twitter: "Sono giorni particolari, e abbiamo davvero tanta voglia di tenerci compagnia, perchè uniti siamo più forti! Quindi correte dai vostri genitori ad avvisarli, abbiamo un'idea!"

Il Parma si mostra sempre attento alle necessità e ai bisogni dei propri tifosi. Nei giorni difficili che vedono tutti impegnati nella lotta alla diffusione di Covid-19, chiaramente ognuno con le armi che ha sua disposizione, anche i crociati si sono movimentati. Non solo la raccolta fondi promossa per l'Ospedale Maggiore di Parma, che fa eco alla donazione di 25.000 euro per il reparto di Malattie Infettive, sotto stress per i continui ricoveri, ma anche iniziative social volte a contenere - come si può - l'isolamento forzato di grandi e soprattutto piccoli. Sono i giovani tifosi crociati i co-protagonisti dell'iniziativa che il Parma ha pensato di diffondere via Twitter.  "Sono giorni particolari, e abbiamo davvero tanta voglia di tenerci compagnia, perchè uniti siamo più forti! Quindi correte dai vostri genitori ad avvisarli, abbiamo un'idea!". E l'idea si è materializzata nella lettura di due fiabe, entrambe di Gianni Rodari, da parte di Matteo Scozzarella, accompagnato dall'adorabile Lavinia, la figlia che ascolta con cura la lettura de "Il Paese con la 's' davanti" e "Il topo dei fumetti". Racconti per bambini, multimediali, ai tempi del Coronavirus. Accorato l'appello del centrocampista, che raccomanda di seguire le direttive del Governo e le misure sanitarie per uscire prima da questa brutta situazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento