rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità

Variante Omicron: i contagi sono tre volte più veloci

Tutti gli aggiornamenti sugli studi in corso

La variante Omicron di Covid-19 - come riportato da Today.it - sembra reinfettare le persone a una velocità tre volte superiore rispetto ai ceppi precedenti. È quanto hanno rilevato esperti in Sudafrica, funzionari di sanità pubblica e scienziati di tutto il mondo che monitorano da vicino gli sviluppi nel Paese in cui è stata identificata per la prima volta la variante.

Il rischio re-infezione della variante Omicron era già stato evidenziato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, e secondo le rilevazioni dell’Istituto nazionale per le malattie trasmissibili sudafricano (Nicd) Omicron sta causando contagi a tassi tre volte superiori rispetto alle varianti precedenti: da mercoledì a giovedì il tasso di positività è salito dal 16,5% al 22,4% e i nuovi casi sono passati da 8.561 a 11.535. Giovedì i casi positivi di Covid-19 in Sudafrica erano 2.988.148 contro i 2.976.613 di mercoledì.

In questa fase gli scienziati stanno cercando di stabilire se e quanto la nuova variante ha aumentato la capacità di diffondersi e sviluppato modi per sfuggire ad alcune risposte immunitarie, come ha confermato il direttore esecutivo ad interim dell’Nicd, il professor Adrian Puren: “La gravità di Omicron deve ancora essere determinata - ha spiegato - invitiamo le persone a essere caute e a riconsiderare la partecipazione a eventi che potrebbero incentivare la diffusione, come riunioni al chiuso in spazi scarsamente ventilati o grandi raduni”.

L’agenzia di sanità pubblica dell'Ue, come riportato anche dal Guardian, ha avvertito che Omicron potrebbe causare più della metà di tutte le nuove infezioni da Covid in Europa nei prossimi mesi, ma  i vaccini sembrano ancora offrire protezione contro malattie gravi: “Se le persone rimangono ferme nell'attuazione del distanziamento fisico e sociale e indossano le maschere, la trasmissione della malattia e l'impatto sul settore sanitario saranno ridotti - ha detto la dottoressa Michelle Groome, capo della divisione di sorveglianza e risposta della salute pubblica dell’NICD  - La vaccinazione rimane la chiave e chiunque abbia più di 12 anni che scelga di vaccinarsi è incoraggiato a unirsi a coloro che si sono già rimboccati le maniche”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Variante Omicron: i contagi sono tre volte più veloci

ParmaToday è in caricamento