"Via Mazzini, i lavori termineranno a fine novembre: il Comune non mantiene le promesse"

La protesta del direttore di Ascom Parma Paolo Franchini

"Ancora una volta dobbiamo prendere atto - si legge in una nota del direttore di Ascom Parma Paolo Franchini - che l’Amministrazione Comunale, quando si parla di cantieri, riesce a smentirsi in modo “seriale”. Abbiamo infatti appreso, purtroppo solo attraverso i media locali, che i lavori su via Mazzini si concluderanno soltanto a fine novembre, anziché il 15 novembre, data garantita dall’Assessore Alinovi sia nella propria lettera del 25/09 us che direttamente in sede di incontro con i commercianti della via il 7/10 us.

Con questo continuo rimando si è persa quindi l’occasione, quest’estate, di poter finire i lavori entro l’avvio del periodo scolastico e, ora, di poter concludere prima dell’accensione delle luminarie. In tutto questo chi ci rimette sono le aziende che, lo ricordiamo, sono “ostaggio” di questi cantieri dal 4 di marzo scorso. Per di più, ad oggi, le imprese stanno ancora aspettando dal Comune una risposta in merito alla richiesta avanzata da Ascom già lo scorso 9 settembre di poter avere una riduzione del 40% della tariffa rifiuti (cosi come previsto all’art. 19 comma 8 del regolamento comunale TARI ) nonché l’esenzione dell’imposta sulla pubblicità per tutto il periodo di durata dei lavori. A questo proposito, siamo convinti che non si tratti di una cifra tale da mettere in difficoltà il bilancio del Comune, ma anzi crediamo sia un gesto di rispetto per le aziende della via, il minimo per quello che hanno dovuto subire in questi mesi.

Per ultimo è stato annunciato che i restanti lavori di riqualificazione di via Mazzini saranno ultimati nel 2020, senza alcuna indicazione del periodo e comunque non rispettando quanto condiviso in riunione lo scorso ottobre sede in cui il Comune dichiarò che, a chiusura dei lavori, avrebbe convocato un nuovo incontro con Ascom e i commercianti della via per valutare insieme se posticipare l’ultimazione dei lavori al 2020 o al 2021, cosi come richiesto dalla maggior parte dei commercianti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Tragico scontro frontale tra auto e furgone a Parola: muore un 37enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Blitz in casa di un commerciante 46enne: in cantina 23 chili di hashish nascosti tra le bottiglie di vino

Torna su
ParmaToday è in caricamento