rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Cronaca Varsi

"Sono a casa, non potete più farmi niente": 54enne ubriaco fermato dopo un inseguimento tenta di aggredire i carabinieri

L'eisodio si è verificato a Varsi

"Sono arrivato a casa, non potete farmi più niente". E' la frase pronunciata da un 54enne fermato sotto casa dai carabinieri dopo un inseguimento fra le strade di Varsi. Quando i militari hanno cercato di spiegargli che non era proprio così ha tentato di aggredirli. Il conducente, che stava guidando ubriaco e che è scappato al posto di blocco, è stato poi fermato e denunciato, finendo nei guai sia per guida in stato di ebrezza che per resistenza a pubblico ufficiale.

Alcuni giorni fa, verso le 2 e mezza di notte i carabinieri di Varsi hanno visto un fuoristrada che, appena vista la pattuglia, ha invertito il senso di marcia per sottrarsi al controllo. Iniziava così un rocambolesco inseguimento fra le vie del paese, con i carabinieri a tallonare l’auto in fuga che a velocità elevata effettuava manovre pericolose per cercare di seminarli.

 I militari si sono resi conto fin da subito, con l’attraversamento di un cortile privato a tutta velocità, che il conducente dell’auto, non aveva la minima intenzione di fermarsi. Nemmeno l’attivazione delle sirene e dei lampeggianti, resasi necessaria per salvaguardare l’incolumità degli altri utenti della strada, faceva arrestare la marcia al 54enne. Vista la situazione che si era venuta a creare, l’auto doveva essere fermata a tutti i costi, ma proprio mentre i militari cercavano il momento giusto per bloccarla, ecco illuminarsi gli stop. 

Una volta sceso dal veicolo l’uomo ribatteva che ormai era arrivato a casa e non potevano fargli più nulla. Nel sentirsi rispondere che si sbagliava l’uomo si alterava e, al fine di impedire le attività dei militari, mentre il capo equipaggio apriva il portellone dell’automezzo di servizio l’uomo lo afferrava, spingendolo con violenza per richiuderlo. Con un atteggiamento molto aggressivo cercava di impedire ai militari di fermarlo. 

Il comportamento tenuto sia alla guida che successivamente, gli occhi lucidi e l’alito alcolico facevano ritenere che il 54enne avesse assunto bevande alcoliche in quantità eccessiva. I militari hanno chiesto supporto ai colleghi del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Borgo Val di taro per la verifica con l’etilometro del tasso alcolemico.

Lo strumento faceva registrare un valore molto vicino a 1,5 g/l, che comportava il ritiro immediato della patente di guida. Condotto in caserma, l’uomo è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Parma per guida in stato di ebrezza alcolica e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono a casa, non potete più farmi niente": 54enne ubriaco fermato dopo un inseguimento tenta di aggredire i carabinieri

ParmaToday è in caricamento