Tragedia a Monchio: è morto l'operaio 31enne travolto da una trivella

Matteo Loi è deceduto in ospedale poche ore dopo il ricovero

È morto all'Ospedale Maggiore di Parma Matteo Loi, il lavoratore di 31 anni che è stato travolto, ieri sera 31 ottobre, da una trivella mentre stava lavorando all'interno di un cantiere stradale a Monchio delle Corti. Il gravissimo infortunio è avvenuto ieri in tarda serata. Per cause in corso di accertamento il giovane è rimasto incastrato tra un tubo e l'escavatore. Sul posto sono arrivati subito i soccorritori del 118 che hanno trasportato il lavoratore al Pronto Soccorso dell'Ospedale Maggiore di Parma. Le sue condizioni di salute sono apparse subito gravissime. Dopo il ricovero il 31enne è deceduto in ospedale. Sul posto anche i carabinieri di Palanzano che hanno avviato alcuni approfondimenti per stabilire l'esatta dinamica dell'incidente mortale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aggiornamenti a breve 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

  • Parma-Carli, incontro positivo: strategie e richieste

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento