menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'incontro in Municipio tra la delegazione cinese e le Istituzioni

L'incontro in Municipio tra la delegazione cinese e le Istituzioni

Aeroporto, Legambiente: 'Il progetto? Una colata di cemento su tutta la zona Nord"

Ieri il sindaco Federico Pizzarotti e le Istituzioni del territorio hanno incontrato in Municipio i cinesi di IZP Technologies, intenzionati ad acquistare l'Aereoporto Giuseppe Verdi di Parma: 'Ci opporremo in tutte le sedi al saccheggio del territorio'

Ieri il sindaco Federico Pizzarotti e le Istituzioni del territorio hanno incontrato in Municipio i cinesi di IZP Technologies, intenzionati ad acquistare l'Aereoporto Giuseppe Verdi di Parma. Lidea della società cinese è quella di costruire un centro espositivo commerciale e di creare un centro espositivo, con tanto di magazzino di stoccaggio, di dimensioni significative. Che tradotto significa nuove costruzioni e nuovo cemento nell'area dello scalo cittadino. Le associazioni ambientaliste iniziano a protestare contro la realizzazione del progetto e dell'eventuale accordo definitivo che, a quanto si può apprendere, non avverrà in tempi brevi. 

"Legambiente è molto preoccupata -si legge in una nota- dal progetto fumoso presentato dai cinesi di IZP Technologies sul futuro dell'aeroporto Verdi. I timori sono di due tipi: da un lato il saccheggio del territorio, dall'altro la sensazione di un imbroglio tipo quello subito dal Parma Calcio. In base a quanto appreso dagli organi di informazione, Legambiente giudica irricevibile il progetto-monstre illustrato da IZP: una colata di cemento su tutta la zona nord di Parma, con tanti saluti alla nomea di Food Valley. D'altronde l'associazione ambientalista non si stupisce: la sensibilità ambientale della Cina (governo e imprese) è notoriamente prossima allo zero, con livelli di inquinamento altissimi e leggi di tutela estremamente blande, se non inesistenti.  Il rilancio dell'aeroporto in un'ottica di investimento e sviluppo commerciale può senz'altro essere attuato ma basandosi sulle infrastrutture già presenti: l'interporto per la logistica e le Fiere per le esposizioni. Sono due strutture dimensionate per il nostro territorio: il progetto cinese invece presenta numeri fuori scala che seppellirebbero Parma.

Inoltre preoccupa molto l'intenzione ricattatoria di IZP: o il nostro progetto oppure niente. Invece, correttamente, dovrebbero prima prendere in carico l'onere dell'aeroporto e poi concertare quello che è possibile con la comunità di Parma. La triste vicenda del Parma Calcio, insegna. Confidiamo che i rappresentanti istituzionali e politici parmigiani procedano con la massima prudenza nel confronto con IZP, dichiarandoci pronti a opporci in tutte le sedi al saccheggio del territorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento