Parco Borsellino, 29enne arrestato per spaccio dopo l'inseguimento

I militari hanno arrestato un cittadino libico di 29 anni che si aggirava con atteggiamenti sospetti: in tasca aveva 143 grammi di hashish e 165 euro in banconote. Accusato anche di resistenza a pubblico ufficiale

I carabinieri hanno arrestato un cittadino libico di 29 anni, irregolare sul territorio italiano, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Sorpreso al parco Falcone Borsellino in atteggiamenti sospetti è stato perquisito dai militari che gli hanno trovato addosso 143 grammi di hashish,
165 euro in banconote e un telefono cellulare.  L'arresto del presunto spacciatore non è stato semplice per i carabinieri.

Una volta avuta la certezza che si trattasse di droga, lo hanno inseguito nel parco dopo che il giovane si era divincolato ed era riuscito a scappare. Nella ricostruzione dei carabinieri si parla di un estrema difesa da parte del sospetto che ha provocato anche alcune lesioni ad un militare, caduto a terra. Il 29enne è stato quindi anche accusato di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Si trova nel carcere di via Burla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione: ecco quando ci si può spostare da un comune all'altro per fare spesa

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

  • Nuove chiusure e una 'finestra' per i regali: ecco come sarà il Natale parmigiano

  • Covid, netto calo dei positivi. Stabili le intensive, quattro i decessi

Torna su
ParmaToday è in caricamento