Arrivano per una lite e trovano le armi rubate nascoste nel casolare: i carabinieri arrestano un 47enne

I carabinieri si sono recati nell'abitazione di Casalbaroncolo per un lite, dopo la chiamata della moglie. Dentro alla gabbia dei conigli trovati le munizioni e un arco

I carabinieri di Parma sono arrivati sul posto per una lite, che rischiava di trasformarsi in un confronto violento ed hanno trovato armi rubate nel casolare di campagna. L'episodio si è verificato due giorni fa a Casalbaroncolo, all'interno di una casa di campagna: una chiamata da parte di una donna avvertiva i militari che era in corso una lite tra marito e moglie. Una volta giunti sul posto i militari, oltre ad ascoltare le due persone coinvolte nel confronto acceso, hanno iniziato a dare un'occhiata in giro. L'inquilino 47enne, che lavora regolarmente come operaio, ha iniziato ad agitarsi e ad avere un comportamento strano, come se non volesse che i carabinieri entrassero in alcune stanze e nel cortile. I militari hanno così deciso di approfondire la perquisizione ed hanno trovato un fucile da caccia Breda calibro 12 automatico nascosto in un doppio fondo della camera da letto, una pistola lanciarazzi -nascosta in un magazzino adiacente all'abitazione, un arco e i proiettili del fucile nella gabbia dei conigli. Il fucile e l'arco erano stati rubati nel 2012 da un'abitazione della provincia di Ferrara. L'uomo è stato arrestato per detenzione illegale di armi e per ricettazione: il 47enne non aveva il porto d'armi e ha precedenti per maltrattamenti in famiglia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • Spettacoli teatrali, arte e mercatini...di Natale: week end ricchissimo

  • E' morto Beppe Aliano, il 19enne rimasto coinvolto nello scontro di Fontanini

Torna su
ParmaToday è in caricamento