Bus d'oro fermi per un errore di calcolo. Folli: "Questo pasticcio non dipende dall'attuale Giunta"

Autobus d'oro fermi nel deposito di via Taro perchè più lunghi di quanto previsto come limite dal Codice della Strada. La vicenda ha suscitato molte polemiche. Il Comune: "Il presidente Rubini sta seguendo la vicenda con assoluta priorità"

Autobus d'oro fermi nel deposito di via Taro perchè più lunghi di quanto previsto come limite dal Codice della Strada. La vicenda ha suscitato molte polemiche; il Comune risponde alle sollecitazioni e chiarisce: "L'origine di questo pasticcio non dipende sicuramente dall'attuale Giunta". 

"In relazione a quanto affermato dall'associazione "Fare per fermare il declino" -si legge in una nota del Comune di Parma- mi preme sottolineare che la vicenda dei filobus da 18 metri è tema su cui stiamo discutendo con la TEP sin dal nostro insediamento, già con il Presidente Tirelli ed ora con l'attuale Presidente Mirko Rubini.

Il problema, come correttamente evidenziato nell'articolo, sta nella dimensione dei filobus che attualmente oltrepassa quella prevista dal codice della strada, e su questo sicuramente arriveremo a definire quelle che sono le responsabilità contrattuali e tecniche del caso. Attualmente ci preme portare a termine l'operazione senza arrecare danno alle casse pubbliche, e le ragioni della mancata immissione sono da ricondursi non ad una "melina" da parte del Comune, ma ad un'omologazione provvisoria che ha una durata di 2 anni, terminati i quali se non vi fosse una proroga o il definitivo adeguamento del codice della strada, TEP si vedrebbe costretta a far rientrare in deposito i filobus pur dovendo corrispondere i pagamenti per intero. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Presidente Rubini con i consulenti legali e dirigenti tecnici sta ovviamente seguendo con priorità assoluta la vicenda e mantenendo assidui contatti con la Van Hool per addivenire ad una soluzione che garantisca l'azienda, e confidiamo che in breve tempo la questione venga risolta.
L'origine di questo pasticcio non dipende sicuramente dall'attuale Giunta ma si va ad aggiungere ad una lunga serie di eredità del passato a cui occorre porre rimedio".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • A Parma vietate le feste e lo sport amatoriale: mascherina in casa con i non conviventi

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento