menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Baby gang, identificato il giovane che aggredì il poliziotto: 16enne denunciato

Nel pomeriggio del 3 febbraio alcuni giovanissimi in gruppo hanno spinto due vigilesse, in supporto sono arrivati gli agenti delle volanti: il giovane ne ha fatto cadere uno e poi è scappato. Identificato dalle telecamere della stazione

Prima la musica ad alto volume in pieno centro, poi gli spintoni alle vigilesse, accorse sul posto per cercare di riportare la situazione alla normalità, poi l'aggressione ad uno dei poliziotti giunti in supporto agli agenti della Municipale. Un ragazzo di 16 anni, responsabile di quell'episodio, è stato identificato e denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e rifiuto delle generalità: gli investigatori sono arrivati a lui grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza della stazione ferroviaria. 

Nel pomeriggio del 3 febbraio e, come ogni sabato, gruppetti di ragazzini si sono trovati nelle vie del centro storico: spesso la presenza dei giovani crea disagio e dà fastidio ai commercianti del centro: quel giorno i ragazzi hanno esagerato con il volume della musica, rispondendo provocatoriamente alle persone ed ai commercianti che, in quel momento, passavano tra via Cavour e Borgo Santa Brigida. Ad un certo punto, per far cessare, quel rumore qualcuno ha chiamato la Municipale. Sul posto sono arrivate due vigilesse che hanno chiesto ai ragazzi di abbassare il volume: la risposta non è stata comunicativa. I giovanissimi, infatti, hanno iniziato a sposarsi e a spintonare le operatrici della Municipale, rifiutando di fornire le proprie generalità. All'arrivo degli agenti delle Volanti la discussione è continuata e si è arrivati all'aggressione: un giovane, poi identificato nel 16enne, Un poliziotto ha cercato di fermare il ragazzo, che era uno dei più esagitati: lo ha fermato prendendogli un braccio ma lui, in tutta risposta, si è divincolato con forza ed ha fatto cadere a terra il poliziotto. Ed è scappato. Secondo la ricostruzione effettuata nei giorni successivi il giovane ha iniziato a correre in via Garibaldi, poi in via Bodoni, in via Verdi e verso la stazione ferroviaria. Qui le telecamere lo hanno immortalato. Qualche giorno dopo i poliziotti della Polfer lo hanno riconosciuto, proprio in stazione, e lo hanno preso in custodia. Il 16enne è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e rifiuto delle generalità: la sua situazione sarà analizzata dal Tribunale dei minori di Bologna. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento