Bazzano, il paese dei presepi: dal mais alle forchette di alluminio

Sono 170 i presepi allestiti in città e disseminati tra il centro ed i campi: un casco da motocross, un vecchio mobile, i personaggi di Madagascar. Solo alcune tra le bizzarre rivisitazioni in chiave moderna

Un casco da motocross, un vecchio mobile degli anni Cinquanta, un cestino da picnic, una vecchia borsa da postino e addirittura una betoniera. Sono solo alcune delle bizzarre rivisitazioni in chiave moderna della mangiatoia che accolse Gesù, da ammirare a Bazzano, ormai noto come il paese dei presepi per il centinaio disseminato nel centro cittadino e nei campi. Dopo il successo delle scorse edizioni e i 160 del 2011, quest'anno 170 persone hanno aderito all'iniziativa organizzata dal circolo Il Camino e da Pro loco Bazzano.



Presepi classici ma anche particolari, o per i materiali di cui sono composti, come quello di mais, o quello interamente realizzato con biscotti dal forno del paese, o per la scelta delle ambientazioni, come i gradini esterni di un'abitazione, l'intera parete di un casolare nei pressi della chiesa, una fioriera o una fontana in disuso. Tanti i curiosi che si recano nella località tra le colline ad ammirare gli allestimenti, particolarmente amati anche dai bambini, sia per la curiosità nella ricerca, che per la presenza anche di personaggi particolarmente attrattivi per loro, come un presepe interamente popolato dai personaggi del cartone animato Madagascar. Tra le curiosità anche il presepe realizzato interamente con forchette di alluminio deformate, che compongono una sfera che al suo interno ospita Maria, Giuseppe e Gesù Bambino, realizzati con posate di plastica fusa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente a Castione Marchesi: muore un bimbo di tre anni

  • Aeroporto, gli industriali ci mettono 8.5 milioni di euro: ecco i nuovi voli

  • "La Pianura Padana è una camera a gas"

  • Trova una ladra in camera da letto, la blocca e la fa arrestare: 26enne serba in carcere

  • Morte del piccolo Aurelio: "Il quartiere è dilaniato dal dolore e si stringe intorno ai genitori"

  • Maxi blitz di polizia, carabinieri e finanza: città al setaccio

Torna su
ParmaToday è in caricamento