No Termo in Provincia, Parma Bene Comune: "Solidarietà agli attivisti"

E' la prima voce a favore dei manifestanti. "La reazione scomposta di Bernazzoli a pressoché generalizzata assenza di prese di posizione che condannassero un gesto – questo sì - di aggressione violenta rivelano un clima di intolleranza"

No Inceneritore in Provincia e calcio del presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli a un manifestante. Arriva la prima voce pro manifestanti dopo le prese di posizione dei consiglieri provinciali e dei partiti che hanno sostanzialmente dato solidarietà a Bernazzoli. Parma Bene Comune e Alba esprimono solidarietà agli attivisti in un comunicato intitolato 'Salute dei cittadini e responsabilità istituzionali'. 

"A.L.B.A. Parma e Parma Bene Comune, facenti parte dell'Assemblea Permanente No Inceneritori, esprimono il loro pieno sostegno e la loro incondizionata solidarietà agli attivisti dell'Assemblea che si sono ritrovati in piazzale della Pace la settimana scorsa per partecipare al Consiglio Provinciale e per invitare, con un'azione pacifica e simbolica, l'amministrazione provinciale ad un'assunzione pubblica delle proprie responsabilità rispetto all'iter di costruzione e accensione dell'inceneritore di Ugozzolo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scomposta reazione del presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli e, non da meno, la pressoché generalizzata assenza di prese di posizione che condannassero un gesto – questo sì - di aggressione violenta tanto più grave in quanto perpetrato da uno dei massimi rappresentanti locali delle istituzioni, rivelano un clima di intolleranza e di totale chiusura al dialogo su un tema - quello della salute come bene comune - che è stato completamente sottratto ai processi decisionali della comunità locale. 

La democrazia muore anche di questa distanza tra ceto politico e cittadini. Per questo a noi preme attivare e sostenere processi di democrazia reale e partecipata, di cui anche il conflitto, chiaro ed aperto, è parte. L'Assemblea Permanente No Inceneritori non contrappone la propria azione a quella delle Istituzioni ma intende fare in modo che programmi fortemente voluti e sostenuti dalla Cittadinanza – e ai quali alcuni settori dell’ Amministrazione locale si sono espressamente impegnati - abbiano effettiva attuazione (il che non dovrebbe essere interesse primario dell’amministrazione stessa?). Nello specifico si intende fare in modo che tutte le Amministrazioni, a partire da quelle della città e dalla provincia di Parma, mettano al centro di ogni iniziativa sia la salute di tutte le persone sia, più in generale, il loro diritto a poter discutere e infine decidere - davvero - sulle questioni che le riguardano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento