Bormioli Rocco, indagati 12 ammistratori e sindaci per aggiotaggio e false comunicazioni sociali

La Pm Paola Dal Monte aveva chiesto il sequestro dell'azienda e delle quote societarie ma il giudice Alessandro Conti ha detto no

Gli operai della Bormioli Rocco, si teme per il loro futuro

E' stata al centro della protesta dei facchini del Si Cobas che è proseguita per mesi, tenendo la città di Fidenza sotto pressione per giorni e giorni. La Bormioli Rocco di Fidenza ora è al centro di un'inchiesta della Magistratura di Parma per aggiotaggio e false comunicazioni sociali che riguarderebbero i bilanci del 2014. Gli indagati tra Amministratori e sindaci sono dodici: la Procura di Parma aveva chiesto il sequestro dell'azienda ma il giudice ha detto no. La Pm Paola del Monte aveva chiesto il sequestro anche delle quote societarie del'azienda ma il giudice Alessandro Conti ha detto no ma l'accusa si è opposta, si è già svolta l'udienza cautelare d'appello: la decisione del Collegio si conoscerà a settembre. Al centro delle indagini ci sarebbero alcune voci di bilancio che, secondo gli esperti della Procura, non sarebbero corrette. L'azienda, tramite un alcune consulenze, ha risposto alle accuse ribadendo la correttezza delle operazioni effettuate. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento