Pescatori di frodo di notte nella golena del Po: una barca e 600 metri di reti illegali

Blitz dei Carabinieri forestali alle 2.30 di notte nel territorio di Polesine Zibello: a bordo della barca un quintale di pesce già pronto per il mercato dell'Est

Pescavano di notte, con una piccola barca, un gommone e altri due mezzi nella golena del Po, senza alcuna autorizzazione e senza rispettare i regolamenti per le reti, oltre alle norme igienico sanitarie. I Carabinieri della stazione di Polesine-Zibello, insieme ai Carabinieri Forestali di Colorno hanno portato a termine un blitz contro i pescatori di frodo, nella notte tra l'8 ed il 9 marzo. I militari, che stavano pattugliando la zona, hanno notato alcuni mezzi nei pressi della golena e si sono avvicinati. Quattro pescatori di frodo rumeni era impegnati a pescare siluri e carpe, utilizzando una piccola barca, un gommone ed un furgone, sul quale avrebbero dovuto caricare il pesce: stavano utilizzando circa 600 metri di reti illegali, che non rispettano la normativa. UN QUINTALE DI PESCE 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

Torna su
ParmaToday è in caricamento