Salso, un campo nomadi nel parco centrale: la bidonville dei veleni

Progetto per Salso attacca la giunta: "Tali insediamenti provocano problemi di decoro, di igiene e sicurezza. E in questi tempi di razzie nelle abitazioni, chi verifica l'attività di costoro?"

Il campo nomadi nel parco centrale di Salsomaggiore

Nel Parco centrale di Salsomaggiore, nei pressi del gioco bimbi e della bocciofila, ha preso sede stabile un accampamento di nomadi. La denuncia arriva da 'Progetto per Salso e Tabiano' che in una nota scrivono: "Ci domandiamo, e domandiamo alla nuova giunta come abbiamo fatto alla precedente, chi lo ha autorizzato e per quale ragione in quel luogo nel parco, che dovrebbe essere un luogo di ordine, di tranquillità e di sano svago.Insediamenti di quella natura provocano inevitabilmente problemi di decoro, di igiene ed anche di sicurezza.

I bidoni della raccolta differenziata sono soggetti a TARSU? Le auto di grossa cilindrata sono inserite nella denuncia dei redditi? Saranno soggetti ad ICI? Pagheranno gli oneri di urbanizzazione ed il Consorzio di Bonifica come noi sudditi? E soprattutto, in questi tempi di razzie nelle abitazioni, chi verifica l'attività di costoro?

Salso vuole vantare di essere una cittadina con standard qualitativi di livello europeo, dove il degrado è marginale o quasi inesistente; ebbene anche l’amministrazione di centrodestra permette una bidonville nel parco centrale, come fece quella di centrosinistra. E’ assurdo! E per favore non si invochino ragioni di urgenza e/o umanitarie che costringano gli zingari a prendere possesso di uno spazio proprio nel parco centrale di una città turistica o termale.

L'amministrazione di Salsomaggiore sta fallendo sotto tutti gli aspetti, soprattutto nei suoi cavalli di battaglia. I partiti,  ancora una volta, in modo ingannevole, hanno parlato di cambiare tutto per poi non cambiare nulla nei fatti. Da questo andazzo amministrativo, la comunità locale ha assoluto bisogno di riscattarsi e sollecita i consiglieri responsabili che ha eletto a dissociarsi togliendo la fiducia a questa Giunta. Impegnarsi per un cambiamento futuro si può, ma con chi abbia già dimostrato davvero attenzione alla città, non che lo dica soltanto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dichiarazione dei redditi: dal 1° gennaio 2020 le spese da detrarre non possono essere pagate in contanti

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

Torna su
ParmaToday è in caricamento