menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il campo nomadi nel parco centrale di Salsomaggiore

Il campo nomadi nel parco centrale di Salsomaggiore

Salso, un campo nomadi nel parco centrale: la bidonville dei veleni

Progetto per Salso attacca la giunta: "Tali insediamenti provocano problemi di decoro, di igiene e sicurezza. E in questi tempi di razzie nelle abitazioni, chi verifica l'attività di costoro?"

Nel Parco centrale di Salsomaggiore, nei pressi del gioco bimbi e della bocciofila, ha preso sede stabile un accampamento di nomadi. La denuncia arriva da 'Progetto per Salso e Tabiano' che in una nota scrivono: "Ci domandiamo, e domandiamo alla nuova giunta come abbiamo fatto alla precedente, chi lo ha autorizzato e per quale ragione in quel luogo nel parco, che dovrebbe essere un luogo di ordine, di tranquillità e di sano svago.Insediamenti di quella natura provocano inevitabilmente problemi di decoro, di igiene ed anche di sicurezza.

I bidoni della raccolta differenziata sono soggetti a TARSU? Le auto di grossa cilindrata sono inserite nella denuncia dei redditi? Saranno soggetti ad ICI? Pagheranno gli oneri di urbanizzazione ed il Consorzio di Bonifica come noi sudditi? E soprattutto, in questi tempi di razzie nelle abitazioni, chi verifica l'attività di costoro?

Salso vuole vantare di essere una cittadina con standard qualitativi di livello europeo, dove il degrado è marginale o quasi inesistente; ebbene anche l’amministrazione di centrodestra permette una bidonville nel parco centrale, come fece quella di centrosinistra. E’ assurdo! E per favore non si invochino ragioni di urgenza e/o umanitarie che costringano gli zingari a prendere possesso di uno spazio proprio nel parco centrale di una città turistica o termale.

L'amministrazione di Salsomaggiore sta fallendo sotto tutti gli aspetti, soprattutto nei suoi cavalli di battaglia. I partiti,  ancora una volta, in modo ingannevole, hanno parlato di cambiare tutto per poi non cambiare nulla nei fatti. Da questo andazzo amministrativo, la comunità locale ha assoluto bisogno di riscattarsi e sollecita i consiglieri responsabili che ha eletto a dissociarsi togliendo la fiducia a questa Giunta. Impegnarsi per un cambiamento futuro si può, ma con chi abbia già dimostrato davvero attenzione alla città, non che lo dica soltanto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento