Carcere della Dozza, esplode bomboletta di gas in cella: due feriti gravi

L'incidente ieri sera intorno alle 21.15 nella cella dei due detenuti. Il più grave, un uomo di 28 anni, dopo essere stato portato all'ospedale Maggiore di Bologna è stato trasferito al Centro grandi Ustionati di Parma

Due detenuti italiani, di 37 e 28 anni, sono rimasti ustionati per l'esplosione di una bomboletta di gas che avevano nella loro cella, nel carcere bolognese della Dozza. E' accaduto ieri sera, verso le 21.15. Le condizioni piu' gravi sono quelle del ventottenne, trasportato in 'codice 3' all'ospedale Maggiore e poi trasferito al Centro grandi ustionati di Parma, mentre e' stato giudicato dai sanitari in 'codice 2', con ustioni di media gravita', l'altro detenuto, ricoverato al Maggiore. A quanto si e' appreso da fonti penitenziarie, si sarebbe trattato di un episodio accidentale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Betoniera si ribalta in tangenziale: muore il conducente 31enne

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento