Cartello antinapoletani a Parma: "Terroni di merda, non contestate l'arbitro"

Un cartello contro i napoletani è stato affisso sulla vetrina di un ristorante di Felino, gestito da napoletani

Un cartello contro i napoletani è stato affisso sulla vetrina di un ristorante di Felino, gestito da napoletani. "Vergognoso cartello contro i napoletani -si legge sulla pagina Facebook Uronechannel- esposto fuori un ristorante di Parma gestito da napoletani! I proprietari del ristorante mercoledì hanno trovato 'sto cartello attaccato alla porta, quindi loro non c'entrano niente, anzi sono anche tifosi del Napoli". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I titoli di alcuni organi di stampa che offendevano pesantemente i napoletani cominciano ad avere i primi effetti e non sono positivi, come era logico aspettarsi, perché hanno alimentato la stupidità e la violenza verbale dei razzisti come dimostra il cartello affisso da ignoti fuori a un ristorante gestito da napoletani a Parma e ripreso sulla pagina fb Uronechannel gestita da tifosi del Napoli". A scriverlo il consigliere regionale dei Verdi della Campania Francesco Emilio Borrelli e i consiglieri comunali di Napoli, Stefano Buono e Marco Gaudini, per i quali "cartelli del genere richiamano alla mente quelli che venivano affissi dai nazisti fuori i negozi degli ebrei e, pur se paragoni del genere possono sembrare azzardati, dovrebbero far riflettere sui danni che provocano titoli offensivi". "Anche per questo, - prosegue il comunicato dei Verdi - grazie all'avvocato Lello Caiazza, portavoce dei Verdi di Melito, abbiamo deciso di avviare una class action contro Libero per quel titolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

Torna su
ParmaToday è in caricamento