Casa sull'arresto del pusher rilasciato: "Cos'è cambiato con la Lega? Niente"

L'assessore alla sicurezza: "In un anno di governo abbiamo riscontrato gli stessi problemi. Il Taser? Va bene ma bisogna dare pene certe"

Di seguito il commento dell'assessore alla sicurezza Cristiano Casa, relativo alla notizia di uno spacciatore nigeriano, pregiudicato, arrestato in zona stadio dalle forze dell'ordine, processato e subito scarcerato.

"Ancora un arresto delle forze dell’ordine nei confronti di uno spacciatore di morte, e ancora una volta l'ennesima scarcerazione. La Lega è da più di un anno al governo del Paese e, nonostante ben 2 decreti sicurezza, nulla ha fatto per togliere dalle nostre strade gli spacciatori. Ma che cosa aspetta? Non era con loro che il vento sarebbe cambiato? Vogliono che la Polizia Locale utilizzi Il Taser? Va bene, non preoccupatevi. Se e quando ce ne sarà bisogno verra adottato. Il problema non sono le dotazioni delle forze dell’ordine per arrestare i delinquenti. Ogni giorno vengono arrestati questi spacciatori che infestano le strade italiane ma dopo poche ore sono già in libertà. Cari leghisti, siete voi al governo! Il tempo delle parole è finito da tempo. Mentre voi continuate a portare avanti le vostre iniziative di facciata gli spacciatori sono ancora in strada. Per non rendere vana l'ottima e costante opera delle forze dell'ordine, che dobbiamo sempre ringraziare, è fondamentale che il governo intervenga a dare pene certe ai delinquenti. Non so più come dirlo a chi ci governa: o traducete le parole in fatti, oppure chi spaccia morte continuerà a essere libero di farlo nelle nostre strade".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

Torna su
ParmaToday è in caricamento