Centenario di Barilla. Guido: "Pietro sarebbe felice"

Appena arrivato è stato accolto da qualche applauso, ma anche da diverse contestazioni. Per motivi di sicurezza gli accessi a via Garibaldi sono stati chiusi, mentre carabinieri e polizia mantengono l'ordine.

Un grande spettacolo, a cavallo dei generi. "Il film di un sogno possibile". Una continua suggestione. Un recital teatrale ideato e condotto da uno dei maestri della televisione per onorare la figura di Pietro Barilla, l'imprenditore che ha contribuito forse più di chiunque altro a creare l'immagine dell'impresa italiana nel mondo. E' 'Pietro. Centanni avanti' che è andato in scena al Teatro Regio di Parma alla vigilia del centenario dalla nascita. Sul palco, attori e personaggi importanti dello spettacolo da Luca Zingaretti (nei panni dell'imprenditore) a Margherita Buy; da Alessio Boni a Renzo Arbore con una testimonianza del maestro Riccardo Muti. In un continuo rimando tra performance scenica e dettagli investigativi della televisione: compresa una splendida performance proiettata di Mina, che di Barilla fu testimonial.

Vita straordinaria, che si conclude con un messaggio importante al Paese, in un momento delicato: un invito all'azione e all'impegno. "Che messaggio lascerebbe Pietro? Sarebbe felice, ci direbbe, non preoccupatevi troppo - ha detto il figlio Guido durante la conferenza stampa - Lasciate fuori il conflitto, vivete come persone normali. Nella parte finale della vita di nostro padre, una frase che ricorreva molto spesso: Pietro, cosa vuoi? Morire in pace. Non avere astio. Non avere odio. Essere capace di perdonare di più. Un rammarico che ha avuto è quello di non essere riuscito totalmente a raggiungere questo obiettivo". Durante la conferenza stampa è stata presentata anche una biografia dell'imprenditore, 'Tutto e' fatto per il futuro, andate avanti con coraggiò, curato da Francesco Alberoni che uscirà mercoledì per Rizzoli. Guido Barilla ha ricostruito la genesi dello spettacolo.ù

"All'inizio dell'anno, con un grave ritardo ci siamo posti il tema di fare una cosa eccezionale per lanciare questa storia. Allora ci siamo detti con i miei fratelli di andare a sentire Minoli. L'idea è stata quella di dare vita a una vita". "Quando Guido è venuto - ha ricordato Minoli - io gli ho proposto alcune idee nelle quale io non ci entravo. Io faccio televisione il teatro è diverso. Avevo dato idee molto più belle di questa - ha detto scherzando - ma lui ha insistito. E alla fine mi sono innamorato dell'idea di ritrarre un grande uomo idee. Due: una lui, Pietro, io l'ho conosciuto facendo un meeting aziendale e all'interno di questa avventura un faccia a faccia con i suoi manager. Innamorato di questa persona mi ha colpito una cosa. Amava l'arte e amava gli artisti e faceva la pasta. Lui era un artista della vita. Stimolo intellettuale professionale, recuperare le tecnologie precedenti". Il ricavato dello spettacolo è stato interamente devoluto al Nuovo Ospedale dei Bambini di Parma intitolato proprio a Pietro Barilla. In sala, tra gli altri, la cantante Laura Pausini, Umberto Veronesi, Luca Cordero di Montezemolo, il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, e l'ex premier Silvio Berlusconi che è anche intervenuto a sorpresa alla conferenza stampa.

foto: Christian Donelli/ParmaToday

QUIRINALE, BERLUSCONI: 'SITUAZIONE INDETERMINATA'. Mi auguro che si elegga il presidente della Repubblica al primo voto. Magari, ma vedo la situazione ancora assolutamente indeterminata". E' la risposta al TG5 di Silvio Berlusconi, il leader del Pdl a Parma per il centenario di Pietro Barilla. Che aggiunge: "Aspettiamo indicazioni dal Pd". Noi abbiamo chiarito la nostra posizione sin dal primo giorno successivo alla comunicazione dei risultati elettorali - ha detto ancora Berlusconi - siamo in campo a disposizione per collaborare a un governo che possa provvedere a fare quelle leggi che dovrebbero far ripartire da subito l'economia, invertendo la situazione attuale". "Aspettiamo indicazioni dal Partito Democratico", conclude.

BERLUSCONI: 'PIETRO MI DISSE: TE NE FARANNO DI TUTTI I COLORI'. Poco prima che Pietro Barilla morisse ebbi modo di informarlo della mia intenzione che c'era un partito legato a ideologia che non mi faceva dormire la notte che rischiava di prendere il potere in Italia e lui mi disse 'Se vuoi mettere le mani in pasta, te ne faranno di tutti i colori'. Me ne hanno fatte ancora di più". Cosi" Silvio Berlusconi, prendendo la parola in conferenza stampa, ha ricordato il suo rapporto con Pietro Barilla.

"Sono commosso per come i figli di Pietro Barilla hanno voluto celebrarlo in una forma che gli sarebbe piaciuta: era un grande uomo, un grande imprenditore, un grande padre, e per me anche grande amico, gli volevo bene, credo mi ricambiasse. Abbiamo fatto lunghe passeggiate - ha detto - dopo pranzo andavamo nei campi insieme, mi raccontava la storia della sua famiglia, i forni aperti da suo nonno, mi diceva 'tu sei nato nel 36 quando io sono entrato in azienda', mi scherniva se dicevo che ero stanco. Sarebbe orgoglioso di essere qui perché ha seminato bene, con figli e nipoti che hanno ritenuto di doverlo ricordare con qualcosa di innovativo. Era soprattutto molto orgoglioso dell'incremento del numero di persone a cui dava lavoro, era uomo del fare, sul fare si realizzava".

INCONTRO TRA BERLUSCONI E RENZI. Berlusconi e Renzi si erano incontrati sulle scale del Teatro, poco prima dell'inizio dello spettacolo e si erano scambiati un breve e cordiale saluto. Al momento di entrare in sala il sindaco di Firenze si è seduto vicino a Paolo Barilla (uno dei figli di Pietro) che accanto a sé, dall'altra parte, aveva il presidente della Ferrari Luca di Montezemolo. Berlusconi è entrato in sala pochi minuti dopo, ha salutato con una stretta di mano Renzi e Montezemolo, poi si è seduto poco distante, accanto a Guido Barilla, per assistere allo spettacolo ideato e condotto da Giovanni Minoli.

CONTESTAZIONE A BERLUSCONI. Silvio Berlusconi è arrivato a Parma, al Teatro Regio, dove alle 20.30 va in scena lo spettacolo celebrativo del centenario della nascita dell'industriale della pasta Pietro Barilla. Appena arrivato, un po' a sorpresa con due ore d'anticipo, è stato accolto da qualche applauso ma anche da contestazioni delle persone che erano in quel momento presenti di fronte all'ingresso del teatro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto per motivi di sicurezza gli accessi a via Garibaldi sono stati chiusi. Le transenne impediscono ai curiosi di avvicinarsi oltre il limite consentito, mentre carabinieri e polizia mantengono l'ordine.

Silvio Berlusconi è arrivato a Parma per seguire la conferenza stampa tenuta al teatro Regio di Parma da Guido Barilla, Giovanni Minoli, Francesco Alberoni e Luca Zingaretti per presentare lo spettacolo in programma alle 20.30 sulla vita di Pietro Barilla. Si è seduto in prima fila per ascoltare gli interventi, a poca distanza dal sindaco di Parma, del Movimento 5 Stelle, Federico Pizzarotti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • A Parma vietate le feste e lo sport amatoriale: mascherina in casa con i non conviventi

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento