menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Commercio, l'associazione Up: "No Tax Area per i negozi nelle vie difficili"

Up pone all'attenzione dell'Amministrazione comunale di Parma una proposta secondo noi più equa: la completa detassazione per 5 anni di tutte le imposte comunali per i nuovi negozi al dettaglio che si insediano in una via “difficile”

"L'emergenza economica -scrivono gli Indipendenti per Renzi, ora Associazione Up- attuale è sotto gli occhi di tutti ed i Comuni dispongono di strumenti per contribuire alla crescita. In particolare il commercio rappresenta una condizione indispensabile per la qualità della vita, la sicurezza, la socialità, l'economia, il presidio delle strade e dei borghi che, ove abbandonati dai commercianti, cadono spesso nel degrado. Tutti parlano di favorire la ripresa... da qualche parte bisognerà pur cominciare a fare qualcosa di concreto.

Il Consiglio comunale di Pesaro ha dato il via libera alla detassazione completa per tre anni delle imposte comunali (Imu, Tasi, Addizionale Irpef, Tosap, Imposta sulla pubblicità...) per le nuove attività che nascono nel centro storico. Partendo da qui, Up pone all'attenzione dell'Amministrazione comunale di Parma una proposta secondo noi più equa: la completa detassazione per 5 anni di tutte le imposte comunali per i nuovi negozi al dettaglio che si insediano in una via “difficile” per il commercio nella quale la percentuale di negozi chiusi supera il 50% di quelli autorizzati. In questo modo, a nostro giudizio, si favorisce l'insediamento di nuove attività, sia in centro (zona assolutamente decisiva per il futuro della città) che nei quartieri periferici, nei quali oggi il commercio è praticamente assente con conseguenti disagi per la popolazione residente, soprattutto anziana, mancanza di opportunità lavorative e svalutazione degli immobiliari commerciali.

E' evidente che ci farebbe piacere che questi benefici fossero estesi a tutti i negozi, anche a quelli già aperti, ma realisticamente ciò non sarebbe sostenibile per le casse comunali. La nostra proposta si rivolge, quindi, a chi prova ad investire oggi mettendosi sul mercato in uno dei periodi più difficili per il commercio. Anche perchè siamo convinti che la nascita di nuovi negozi favorisca anche quelli esistenti, dal momento che l'area aumenta le sue potenzialità commerciali e quindi la sua attrattività, per tutti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento