menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Contro il dolore l’Associazione N.a.D. punta sull’ambulatorio di terapia antalgica dell’Ausl

Con il sostegno alla formazione dell’anestesista Cristiana Bertani

Nella lotta al dolore, l’Associazione N.a.D. (No al Dolore) di Borgotaro punta sull’ambulatorio di terapia antalgica dell’AUSL. E lo fa investendo nella formazione dei professionisti dell’Ospedale Santa Maria.  Infatti, per il secondo anno consecutivo, N.a.D. sostiene il costo di iscrizione al corso avanzato in Scienze Algologiche  per l’anestesista Cristiana Bertani. Promosso dalla Fondazione ISAL Ricerca sul Dolore,  il corso richiede la frequenza a Rimini di quattro seminari di due giornate ciascuno. A conclusione, è prevista la partecipazione ad un tirocinio pratico, in una struttura ospedaliera di Bologna, Pisa, Milano, Lodi o Cagliari.

“La partecipazione al corso – afferma Cristiana Bertani – è particolarmente qualificante, perché consente di acquisire competenze su nuove tecniche di terapia antalgica, che saranno poi praticate nel nostro ambulatorio di Borgotaro”.  L’équipe del servizio, composta oltre che da Cristiana Bertani, dai medici Daniele Fabrizio Manelli, Carmelo Nicotera e Giacomo Solari, segue oltre 200 persone all’anno e tratta prevalentemente i dolori artrosici, le discopatie, le lombosciatalgie, ecc.

All’ambulatorio, aperto all’ospedale Santa Maria di Borgotaro il martedì e il mercoledì, si accede con la prescrizione del medico di famiglia e la prenotazione al CUP.

Il nuovo anno apre quindi con una bella testimonianza di come la sinergia tra l’Azienda USL e le Associazioni del volontariato locale  sia capace di creare valore aggiunto e accrescere la qualità dei servizi offerti alla cittadinanza

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento