Corniglio, furto in un prosciuttificio. In auto con i tubi di rame: denunciato 60enne

I Carabinieri hanno fermato e denunciato un uomo italiano residente a Langhirano che aveva in auto diversi tubi di rame e una valigetta con attrezzi per la lavorazione del pregiato materiale

I Carabinieri di Corniglio con gli attrezzi sequestrati

Si aggirava nel territorio del comune di Corniglio a bordo della sua auto ma aveva un atteggiamento sospetto, che ha allertato i Carabinieri della locale stazione. Un italiano di 60 anni residente a Langhirano è stato denunciato perchè trovato in possesso di diversi tubi di rame. I militari hanno trovato nella sua auto il tame e una valigetta con alcuni utensili per lavorare il materiale. Dopo gli accertamenti effettuati in Caserma i militari hanno verificato che il rame era stato rubato da un prosciuttificio della zona poche ore prima. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento