menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dipendenti, i capigruppo di opposizione: "Pizzarotti cambi atteggiamento"

L'accusa da parte di Pizzarotti ai lavoratori che, secondo il sindaco, si lascerebbero strumentalizzare dalle organizzazioni sindacali, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. I capogruppo di opposizion: "Basta muro contro muro con i sindacati"

Polemiche tra i dipendenti del Comune di Parma e il sindaco Federico Pizzarotti. La lettera aperta del primo cittadino ha causato più di un malumore all'interno dei sindacati che hanno risposto oggi con una lettera aperta. L'accusa da parte di Pizzarotti ai lavoratori che, secondo il sindaco, si lascerebbero strumentalizzare dalle organizzazioni sindacali, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. I capogruppo di opposizione, in una pausa del Consiglio comunale, hanno fatto alcune dichiarazioni alla stampa.

"Abbiamo chiesto al sindaco -ha dichiarato Massimo Iotti- di interrompere una posizione di muro contro muro con le organizzazioni sindacali che non porta nessun beneficio. Ora l'importante è trovare un accordo per superare questa situazione. Non entriamo nel merito delle dichiarazioni ma abbiamo sollecitato al più presto il sindaco a cambiare atteggiamento per arrivare a relazioni sindacali normali. E' stata fatta una richiesta in Prefettura per comportamenti antisindacali: vedremo cosà succederà. Se così sarà dovremo dire al sindaco che si è comportato in maniera sbagliata. Alcune uscite hanno contribuito ad aggravare la situazione. Speriamo che si risolva presto la questione del fondo 2014". "A noi non va-ha sottolineato Ettore Manno- che i dipendenti di questa Amministrazione siano in perenne conflitto con il sindaco"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento