Dipendenti comunali, si riapre il fronte della protesta: "Torneremo a manifestare"

Al centro della protesta della Fp Cgil la decisione del Comune, riportata dal sindacato, di interrompere il pagamento delle indennità definite dall'accordo del 2013. Salati: "Siamo molto preoccupati"

La protesta dell'anno scorso dei dipendenti del Comune

Comune di Parma. Si riapre il fronte della protesta dei sindacati del Pubblico Impiego: dipendenti dell'Amministrazione ancora contro la giunta Pizzarotti. Dopo i venti di distensione ora tornano le polemiche: a scatenarle la decisione, riportata dalla Fp Cgil, del Comune di sospondere il pagamento delle indennità definite nell'accordo del 2013.

"Contratto decentrato. Ritorno al passato -si legge in una nota della Fp Cgil. Questo non è il nuovo titolo di un film della saga da Robert Zemeckis, ma la situazione dei dipendenti del Comune di Parma. Siamo ritornati ad un anno fa, con la decisione di sospendere il pagamento delle varie indennità che venivano riconosciute ai lavoratori che con l’entrata in vigore della 150 del 2009 e la decadenza degli effetti dei contratti decentrati al 31 dicembre 2012. Il sofferto accordo decentrato del 2013 aveva permesso di ripristinarne alcune. La scelta di sospendere il pagamento delle indennità definite nell’accordo del 2013 da parte dell’Amministrazione Comunale è una scelta insensata e un gesto di rottura nei confronti di lavoratori, della RSU e delle Organizzazioni Sindacali.

La dimostrazione di un’Amministrazione allo sbaraglio che non sa trovare una strategia e scelte giuste per motivare e guidare i lavoratori. “La mancanza di una visione complessiva – spiega Sauro Salati, segretario generale della FP CGIL di Parma - è purtroppo un dato di fatto con cui già si erano fatti i conti l’anno scorso. Per questo motivo ad un anno di distanza la FP CGIL di Parma si sarebbe aspettata un approccio diverso. Ed invece eccoci al ritorno al passato”.

Le rappresentanze sindacali sono molto preoccupate dalla situazione che si sta creando, con continui avvicendamenti di dirigenti, Comandanti, Direttori del Personale e Responsabili della Delegazione Trattante. “Questi ripetuti cambi nei ruoli apicali – prosegue Salati - non permettono a nessuno di prendere in mano la situazione, con la possibilità di avere una visione temporale che vada oltre all’oggi per costruire un progetto, un’idea di come gestire una risorsa fondamentale come i lavoratori del Comune”.“In attesa che arrivi il Direttore Generale, visto come il salvatore della Patria che prendere in mano la situazione, non vorremmo trovarci nella situazione in cui l’Amministrazione Comunale pensi di fermare le relazioni, fino al momento in cui il nuovo condottiero sarà in grado di comprendere il contesto in cui si trova per dare le prime risposte, non prima di luglio 2014”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Se tale linea sarà confermata – conclude il segretario FP - sappia l’Amministrazione che il sindacato prenderà la strada della mobilitazione esattamente come l’anno scorso e che i lavoratori non subiranno questo vuoto di conduzione”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento