Problema esodati, Bernardini: "A Parma oltre 200, basta con interventi a 'spot'"

Necessari interventi urgenti per risolvere definitivamente un problema che tocca migliaia di persone in tutto il Paese e circa 200 a Parma. Braglia, Cgil: "Decreti sinora insufficienti a coprire chi è rimasto senza tutela e vive nella totale incertezza"

Conferenza esodati, Giuseppe Braglia, Claudio Bernardini

"Il problema esodati è ben lontano dall'essere risolto e le misure prese sinora dai governi Monti e Letta si sono rivelate solo un brodino caldo, con decreti largamente insufficienti a coprire il numero reale di chi si ritrova nella totale incertezza, lontano ormai dalla pensione e senza più un lavoro". Con queste considerazioni il segretario confederale Cgil Parma Giuseppe Braglia e il responsabile coordinamento Esodati Cgil Parma Claudio Bernardini hanno analizzato la situazione sia a livello nazionale che locale in tema di lavoro e riforme. L'incertezza la condizione drammatica che caratterizza un numero ingente di persone, che ancora non è stato calcolato con esattezza. Numeri che il presidente dell'inps nel corso di un'audizione in Parlamento aveva stimato in 390mila, per poi essere smentito dall'ex Ministro Elsa Fornero. Che il numero sia verosimile o meno, la realtà attuale porta però i sindacati e le organizzazioni al servizio dei lavoratori a stimare comunque un numero ben superiore di esodati rispetto a quello coperto sinora dai decreti, ritenendo che potrebbero esserci ancora circa 260mila persone rimaste "scoperte".

Con l'ultimo decreto sino al 25 settembre 2013 è possibile inoltrare domande di salvaguardia previste per 10.130 lavoratori, ma può riguardare anche i lavoratori che non potevano rientrare nelle precedenti domande di salvaguardia dei 65.000 e dei 55.000  e che possiedono invece i requisiti per beneficiare della salvaguardia  dei 10.130. Può riguardare anche chi aveva presentato domanda di salvaguardia per i precedenti decreti ma non ha ancora ricevuto una risposta, una percentuale non indifferente dato che la confusione generata ha portato in molti casi a intasamenti e disguidi burocratici. "E' evidente che i decreti non coprono tutte le persone coinvolte, si tratta giusto di interventi a 'spot' che non danno garanzie per tutti - sottolinea Braglia -. L'impressione è che stia cambiando il sistema di tutela sociale, senza tenere conto adeguatamente di chi si trova in questa situazione difficile". Le promesse politiche arrivate anche all'indomani dell'insediamento del Governo Letta non sarebbero state mantenute secondo quanto sottolineato da Claudio Bernardini, Coordinamento Esodati Parma ed ex dipendente della Sidel di Parma, fuori dall'azienda dopo una ristrutturazione che ha lasciato a casa 85 persone. "La nostra richiesta è che al 4 dicembre 2011, ossia la data di entrata in vigore della legge Fornero, si tutelino i lavoratori già licenziati o che avevano sottoscritto accordi per il licenziamento negli anni successivi e maturano con le vecchie norme il diritto alla pensione entro il dicembre 2018. Ora le misure attuate salvaguardano solo chi matura il diritto alla pensione entro il 2014, non tutelando chi invece non ha ancora raggiunto i requisiti o chi è stato licenziato individualmente. C'è chi era convinto di essere a pochi passi dalla pensione e si ritrova condizioni totalmente stravolte e non ha più un adeguato sostentamento economico".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Difficile fare una stima della realtà di Parma riguardo gli esodati, secondo quanto sottolineato da Braglia sarebbero poco meno di 500 le persone contattate per informazioni sul tema, ma molte di loro rientrerebbero nei decreti varati. La stima approssimativa a livello locale è di circa 200 persone, ma come sottolineato da Bernardini, non si tratta delle solite categorie che si è abituati a considerare più instabili come gli operai delle grandi o medie aziende. "Tra le tante storie di difficoltà e incertezza per la condizione di esodati ci sono anche banchieri, che però hanno un fondo separato, dipendenti postali, dipendenti della Telecom e altre categorie che sino a ieri erano considerate quasi intoccabili da cambiamenti così drastici" Per avere informazioni su chi rivolgersi e come fare per presentare la domanda sarà di nuovo attivo a partire da martedì prossimo con cadenza settimanale dalle 14,30 alle 17,30 uno sportello informativo nella sede della Cgil Parma, uno strumento che non potrà sostituire l'azione concreta che in questo senso viene operata dai patronati, ma potrà servire per risolvere alcuni dubbi e avere informazioni. Un problema esteso a livello nazionale quello degli esodati, che ha portato alla nascita di tante piccole realtà locali, come quella del coordinamento Esodati Cgil Parma, che confluiscono a livello nazionale nella Rete dei Comitati. La Rete ha chiesto un incontro entro l'anno con il Ministro del Lavoro per capire le intenzioni del Governo sul tema esodati e individuare eventuali margini di confronto in merito al numero delle persone non coperte dai decreti varati sinora. "Chiediamo una risoluzione definitiva del problema, senza più andare avanti con numeri ma stabilendo con un solo criterio come tutelare chi si trova in questa situazione di incertezza - sottolinea Bernardini-. Gli esodati sono l'elemento di misurazione del livello di civiltà del Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento