Fondazione Chiesi, una cena di beneficenza per il reparto di Neonatologia di Tanguietà

La Fondazione Chiesi organizza una cena/evento di raccolta fondi, in programma il prossimo 14 settembre, per il reparto di Neonatologia di Tanguietà, un piccolo villaggio del Benin, nell'Africa sub-sahariana

A Tanguietà, un piccolo villaggio del Benin, nell’Africa sub-sahariana, la Fondazione Chiesi Onlus ha contribuito alla costruzione del reparto di Neonatologia dell’Ospedale St. Jean de Dieu. Il reparto è entrato in funzione nel marzo 2012, con 23 culle di cui 7 attrezzate per i casi gravi. L’ospedale lavora a pieno regime ed è in continua ricerca di finanziamenti, soprattutto per garantire la presenza di medici specializzati all’interno della struttura, assicurare la continuità dell’assistenza ai bambini bisognosi e sostenere le spese di gestione ordinaria della Neonatologia (stipendi, medicine, materiale sanitario). Nel corso dell’anno 2012 sono stati ricoverati 545 neonati.

È proprio con questo scopo che la Fondazione Chiesi organizza una cena/evento di raccolta fondi per il prossimo 14 settembre. La cena, in collaborazione con Silvano Romani Catering, avrà luogo presso Villa Madonna degli Angeli, a Collecchiello (PR). Durante la serata, ospitata all’interno di una delle più particolari residenze d’epoca che si possano ammirare nella zona, ci saranno due spettacoli, uno di Musica Afro Sonora e lo spettacolo Manicomix.  La cena ha un costo di 75 euro a persona. Si prevede di reperire sufficienti fondi dagli sponsor e quindi di poter destinare l’intero ricavato dalle quote di partecipazione alla Neonatologia dell’ospedale.
 
Per informazioni e prenotazioni:
info@chiesifoundation.org Simona Manfredi 349 6156474 Giulia Amoretti 347 3838241
 
L’Ospedale St. Jean de Dieu di Tanguietà

Aperto nel 1970 da Fra Tommaso Zamborlin, con 80 posti letto per una popolazione di oltre 100.000 abitanti, oggi conta oltre 231 posti letto, ma i malati spesso superano le 350 presenze. Nel 2008 sono stati ricoverati oltre 15.000 pazienti e sono stati effettuati oltre 4.000 interventi chirurgici. Nell’ultimo decennio l’Ospedale è stato incaricato della medicina preventiva sul territorio con campagne di vaccinazioni contro il tetano, la poliomielite, il morbillo e la meningite. Oggi l’Ospedale St. Jean de Dieu è una struttura sanitaria di riferimento per tutte le popolazioni limitrofe: Togo, Nigeria, Burkina-Faso, Niger, Mali e Costa D’Avorio. Lo staff del Centro è composto da 12 medici e chirurghi, 125 dipendenti tra personale paramedico e 47 dipendenti per i servizi generali ed amministrativi. La Struttura si suddivide nei reparti di Medicina generale, Chirurgia Generale, Ginecologia, Neonatologia, Pediatria, Clinica medico-chirurgica, Cure intensive e Oftalmologia, nonché il servizio di Radiologia e di Laboratorio Analisi e il Centro Nutrizionale per bambini con gravi malnutrizioni. Direttore Sanitario dell’Ospedale St. Jean de Dieu di Tanguietà è Fra Fiorenzo Priuli, missionario bresciano, medico chirurgo, che vive in Africa tra Togo e Benin da 40 anni e ha contribuito a fondare anche l’Ospedale St. Jean de Dieu di Afagnan in Togo, altra struttura gestita dai Fatebenefratelli.
 
Il Progetto Fondazione Chiesi

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2011, Fondazione Chiesi su invito della Onlus Epsilon, ha partecipato, insieme a Fondazione Unicredit, alla realizzazione del nuovo Reparto di Neonatologia dell’Ospedale St. Jean de Dieu di Tanguietà. Il nuovo reparto, costruito a ponte tra il reparto di maternità e quello di pediatria, è entrato in funzione nel marzo 2012, con 23 culle di cui 7 attrezzate per i casi gravi. Nel corso dell’anno 2012 sono stati ricoverati 545 neonati, con tasso di mortalità del 19%, particolarmente basso se confrontato ad altre realtà dell’Africa sub-sahariana. Le prime due cause di ospedalizzazione sono le infezioni (48%) e la prematurità (26%); il rapporto tra le due condizioni si inverte se si ricercano le cause di mortalità.
 
La Fondazione Chiesi Onlus è una organizzazione non profit, fondata nel 2005 come espressione della responsabilità sociale di Chiesi Farmaceutici. La missione della Fondazione è di migliorare la salute ed alleviare la sofferenza dei pazienti attraverso la ricerca scientifica, la diffusione delle conoscenze e l’educazione di personale sanitario, del pubblico e delle associazioni di pazienti. La Fondazione Chiesi svolge le proprie attività nel campo delle malattie respiratorie, rare e neonatali.
 
Epsilon è una onlus italiana che dal 2004 è impegnata a favore dell’infanzia nei Paesi del Sud del Mondo nell’ambito della sanità, educazione e alimentazione. Ad oggi ha realizzato 90 progetti con 500.000 bambini beneficiari in 15 Paesi dell’Africa (Benin, Burkina Faso, Ciad, Etiopia, Kenya, Madagascar, Mozambico, Niger, Rwanda, Somalia, Sierra Leone, Togo) e del Sud America (Bolivia, Haiti, Nicaragua).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento